19 mag 2021
Diritto Penale

Reddito di cittadinanza e attestazione di falso

Chi riceve il reddito di cittadinanza deve possedere specifici requisiti di tipo reddituale e patrimoniale: ecco quali sono le conseguenze penali nelle quali si potrò incorrere nel caso di presentazione di un ISEE falso.

Il reddito di cittadinanza può essere richiesto solo se si è in possesso di determinati requisiti, per il quali è necessario fornire il proprio ISEE

Cosa si rischia in caso di presentazione di un ISEE falso? Quali sono le conseguenze penali in caso di indebita percezione del reddito di cittadinanza? Vediamo di seguito tutto quello che c’è da sapere in merito. 


Requisiti per ricevere il RdC


Il reddito di cittadinanza si potrà ricevere soltanto se si rientrerà in specifici requisiti di reddito, in relazione ai quali sarà necessario presentare un’autodichiarazione contenente le condizioni economico-reddituali del proprio nucleo familiare.

Nel caso di attestazione di falso si verificherà non solo la perdita del sussidio, ma anche l’impossibilità di ottenere il beneficio economico per i successivi 10 anni – oltre che l’applicazione di sanzioni di tipo penale

I beneficiari del RdC sono coloro i quali:


In aggiunta, il proprio patrimonio immobiliare non dovrà essere superiore ai 30.000 euro, mentre quello mobiliare dovrà mantenersi al di sotto dei 6.000 euro, soglia incrementata di 2.000 euro per ogni componente del proprio nucleo familiare. 

reddito di cittadinanza isee falso

Quando non spetta


Sarà possibile richiedere il reddito di cittadinanza solo se in possesso delle condizioni elencate nel paragrafo precedente e se nessun componente del nucleo familiare abbia:

  1. autoveicoli immatricolati da meno di 6 mesi;
  2. autoveicoli con cilindrata superiore a 1.600 cc;
  3. motoveicoli immatricolati nel biennio precedente o che abbiano una cilindrata superiore ai 250 cc. 

Quando viene revocato


Nell’ipotesi in cui si possedessero tutti i requisiti di accesso al RdC, si dovrebbe poi procedere con dei passaggi fondamentali, necessari a sostenere il lavoratore nella ricerca di un nuovo lavoro, che rappresenta il vero obiettivo del beneficio. 

In particolare, si tratterebbe:


Nei casi in cui non si procedesse in tal senso o qualora dovessero cambiare le proprie condizioni reddituali, il reddito di cittadinanza si perderebbe in automatico. Non a caso, dopo i primi 18 mesi dalla prima ammissione al RdC bisognerà aggiornare la dichiarazione ISEE presentata. 

reddito di cittadinanza isee falso

Revoca reddito di cittadinanza per ISEE falso


Oltre a una situazione nella quale si ometta di comunicare un’eventuale variazione delle proprio condizioni economiche o lavorative, un altro caso nel quale il reddito di cittadinanza sarebbe revocato è quello in cui emerge che sono stati dichiarati dei dati falsi relativi all’ISEE

Questa seconda ipotesi può avere delle conseguenze molto gravi: la dichiarazione mendace, infatti, rappresenta una vera e propria truffa ai danni dello Stato, per la quale possono configurarsi due reati differenti. 

In particolare l’art. 7 del d.l. n. 4/2019 prevede che “chiunque, al fine di ottenere indebitamente il beneficio di cui all’articolo 3, rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero omette informazioni dovute, è punito con la reclusione da due a sei anni”.

Nel caso di “omessa comunicazione delle variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività irregolari, nonché di altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca o della riduzione del beneficio” la pena prevista è, invece, la reclusione da 1 a 3 anni

Reddito di cittadinanza e attestazione di falso – Domande frequenti


Quando si perde il reddito di cittadinanza?

Ci sono diverse casistiche nelle quali si può verificare la perdita del reddito di cittadinanza: ecco quali sono le più comuni

Cosa si rischia in caso di ISEE falso?

La dichiarazione di ISEE falso può comportare delle conseguenze di tipo penale: ecco in quali casi si configura un reato

Chi controlla i dati ISEE?

Il controllo dei dati ISEE viene effettuato dall’INPS: tuttavia si tratta sempre di controlli che avvengono in un secondo momento e mai in via preventiva. 


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!