Tasse e imposte

ISEE 2020 precompilato INPS: cos’è e come richiederlo

Guida al modello ISEE precompilato 2020. Come funziona, quali sono i documenti richiesti, le scadenze e le altre istruzioni utili.

In base al Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 4 ottobre 2019, dal 1° gennaio 2020 sarà disponibile l’ISEE precompilato 2020. Si tratta di una misura sperimentale, contenuta nel Decreto Legge nel quale vengono disciplinati reddito di cittadinanza e quota 100.





Il modello ISEE precompilato porta all’introduzione di una DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) online, che può ancora essere presentata sia in forma precompilata sia secondo la procedura ordinaria, assieme ai vari moduli integrativi necessari in relazione ai componenti del proprio nucleo familiare e alla prestazione che si intende richiedere.





In questa guida troverai tutte le informazioni su che cos’è l’ISEE precompilato 2020 INPS, su come funziona, sui dati che devono essere autodichiarati e su come richiederlo, con un focus sui cambiamenti più importanti introdotti dalla procedura e sui vantaggi dei quali potranno usufruire 4.165 milioni di famiglie. 







ISEE 2020 precompilato INPS: cos’è





L’ISEE precompilato 2020 fa parte nel processo di digitalizzazione del Fisco che era già stato messo in atto con l’introduzione del 730 precompilato e che si pone l’obiettivo di semplificare le procedure amministrative e di ridurre le frodi. Sarà attivato dal 1° gennaio 2020 in via sperimentale: si tratterà infatti di un modello precompilato che dovrà comunque essere integrato con delle autodichiarazioni.





Come si può leggere nel testo del Decreto del 9 agosto 2019 In via sperimentale, la DSU precompilata è resa accessibile ai nuclei familiari che nel triennio 2016-2018 abbiano presentato una DSU all’INPS, in via telematica, direttamente a cura del richiedente, ai sensi dell’art. 10, comma 6, del regolamento ISEE”.





ISEE 2020 precompilato cos'è




ISEE 2020 precompilato INPS: come funziona





Una parte dei dati che devono essere contenuti nella DSU viene precompilata in modo automatico dall’INPS e dall’Agenzia delle Entrate. L’accesso alla propria DSU online è possibile attraverso il sito dell’INPS, nell’area dedicata al modello ISEE.





Sarà possibile avere accesso al sito utilizzando le credenziali:









È prevista anche la possibilità di poter avere accesso alla DSU precompilata con il supporto di un CAF delegato, che agirà sempre per via telematica. Possono avere accesso dell’ISEE precompilato le famiglie che nel triennio 2016-2018 hanno presentato direttamente la DSU all’INPS.





ISEE precompilato 2020: quali sono i dati da autodichiarare





Nella DSU online saranno presenti in automatico dati relativi al saldo del proprio conto corrente, l’ammontare della pensione, le informazioni sui beni mobiliari e immobiliari posseduti, ma molti altri dati necessari a valutare il livello economico di una famiglia dovranno essere inseriti dal cittadino. Questo modello è stato sostenuto anche dall’Autorità garante della privacy, che è intervenuta perché mossa dalle perplessità di molti cittadini.





Tra le informazioni che devono essere inserite tramite autodichiarazione dal cittadino, ci sono le seguenti:









Nel caso in cui il cittadino ne facesse richiesta, l’INPS può anche procedere con il caricamento di alcuni voci, sulla base dei dati ai quali ha avuto accesso l’anno precedente, quali per esempio:









ISEE 2020 precompilato: cosa sapere sulla
Dichiarazione Sostitutiva Unica





La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è il documento che contiene tutte le informazioni anagrafiche e relative alla situazione reddituale e patrimoniale di una famiglia che deve essere necessariamente compilato per ottenere la propria certificazione ISEE: la DSU serve, in pratica, a descrivere la situazione economica di una famiglia.





Nel momento in cui si compila la Dichiarazione Sostitutiva Unica 2020 bisogna avere in mente qual è l’eventuale agevolazione fiscale o il benefico al quale si vuole avere accesso, dal quale dipenderà la scelta del tipo di DSU, che può essere:





  1. mini, attraverso la quale si ottiene l’ISEE ordinario;
  2. integrale, nella quale vanno inserite le informazioni per la determinazione di un ISEE specifico;
  3. corrente.




In genere, è sufficiente compilare il modello mini, ma a seconda delle proprie necessità sarà necessario dover utilizzare il modulo per la dichiarazione di tipo integrale.





Per questo motivo, accanto al modello mini, sono stati introdotti diversi moduli di DSU che sono relativi a ISEE differenti, quali per esempio:









ISEE 2020 precompilato come funziona




ISEE e DSU: a cosa servono





L’ISEE è un indicatore della situazione economica delle famiglie che:









La certificazione ISEE è dunque necessaria nel caso in cui si voglia avere accesso a prestazioni o agevolazioni previste per chi ha un reddito inferiore ai limiti stabiliti dalla legge, come per esempio nel caso del reddito di cittadinanza.





Con il nuovo ISEE precompilato 2020 le informazioni che si trovano all’interno della DSU sono:









I cittadini intenzionati a richiedere il calcolo ISEE per ottenere una prestazione agevolata, saranno tenuti a compilare due moduli validi per tutte le tipologie di prestazione, ovvero il Modulo MB.1 e il Modulo FC.1, e scegliere uno tra i seguenti 6 moduli aggiuntivi, in base a quelle che sono le esigenze specifiche:






Modulo

Prestazione

Modulo MB.2
Serve per calcolare l’ISEE Università e l’ISEE Minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi

Modulo MB.3
Deve essere compilato per ottenere le prestazioni socio-sanitarie residenziali, come la richiesta di assistenza presso il proprio domicilio

Modulo MB.1rid
Rappresenta un’alternativa al modulo MB.1, da compilare qualora si preferisse richiedere un nucleo familiare ristretto in caso di prestazioni socio-sanitarie per persone con disabilità e/o non autosufficienti maggiorenni e per prestazioni connesse ai corsi di dottorato di ricerca

Modulo FC.2
Va compilato in presenza di persone con disabilità e/o non autosufficienti in famiglia

Modulo FC.3
Da compilare in presenza di persone esonerate dalla presentazione della dichiarazione dei redditi e prive della Certificazione Unica, o in caso di sospensione degli adempimenti tributari a causa di eventi eccezionali

Modulo FC.4 
È necessario per il calcolo della componente aggiuntiva, sia per le prestazioni socio-sanitarie residenziali sia per quelle destinate a minorenni o universitari in caso di genitori non coniugati e non conviventi tra loro




ISEE 2020 precompilato – Domande frequenti





Cos’è l’ISEE precompilato 2020?

L’ISEE precompilato 2020, in vigore dal 1° gennaio 2020, è un documento che permetterà a tutti coloro che hanno necessità di ottenere alcuni bonus o benefici assistenziali di disporre dell’ISEE in tempi brevi. La procedura da seguire è molto semplice: basterà collegarsi al sito dell’INPS per avere accesso a una DSU online precompilata con i dati dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate, che dovrà essere integrata con i dati mancanti.

Quali sono i vantaggi dell’ISEE precompilato?

Il modello ISEE precompilato 2020 porterà a una semplificazione della procedura di accesso alla DSU ai fini ISEE, che potrà in questo modo essere ottenuta in tempi molto più rapidi. Oggi sono necessari fino a 10 giorni per riuscire a farsi rilasciare la dichiarazione da parte del CAF.

Cosa cambia con il nuovo ISEE precompilato 2020?

L’ISEE precompilato 2020 INPS permetterà l’accesso a un documento indicante la situazione economica di una famiglia più veritiero. La procedura si pone da un lato come un metodo per favorire la digitalizzazione delle pratiche fiscali in Italia, dall’altro come un sistema per combattere eventuali frodi.