Diritto del Lavoro

Impugnazione licenziamento: ricorso, come e quando farlo

Se pensi di essere stato licenziato ingiustamente puoi procedere con l'impugnazione del licenziamento per chiedere di rientrare o ricevere un indennizzo. Scopri come funziona.

Impugnare il licenziamento nel caso in cui non si fosse d’accordo con le ragioni date dal proprio datore di lavoro è possibile: per farlo è necessario fare ricorso contro la decisione del proprio capo, nel rispetto di quelli che sono i termini previsti dalla normativa in vigore.

Bisogna però ricordare che l’impugnazione di licenziamento si può fare quando il licenziamento è illegittimo: in caso di licenziamento per giusta causa o di licenziamento per giustificato motivo oggettivo la legge sarà dalla parte del datore di lavoro.

Si può comunque chiedere l’intervento di un giudice che valuterà se il licenziamento sia stato effettivamente legittimo. In caso contrario:

  1. l’azienda dovrà pagare un indennizzo economico al dipendente a titolo di risarcimento;
  2. in alcuni casi, sarà obbligata a reintegrare il lavoratore in azienda.


Impugnazione licenziamento: ricorso


Con il termine impugnazione del licenziamento ci si riferisce alla procedura messa in atto dal lavoratore per contestare il provvedimento che lo ha portato a perdere il lavoro.

Si tratta di un diritto del dipendente da può essere applicato nel caso in cui il licenziamento sia illegittimo:


Leggi anche: “Licenziamento per rappresaglia“.

Impugnazione stragiudiziale del licenziamento


Per fare ricorso contro il licenziamento, il lavoratore deve inviare all’azienda una lettera di contestazione, nella quale manifesta il suo dissenso nei confronti della risoluzione del contratto di lavoro.

Si parla in questo caso di impugnazione stragiudiziale:

  1. è lo stesso lavoratore, infatti, a scrivere e inviare la lettera al datore di lavoro;
  2. in alternativa, può anche decidere di avvalersi del supporto di un legale: in questa evenienza il lavoratore dovrà controfirmare la lettera per accettazione e ratifica prima che venga spedita.

impugnazione licenziamento

Termini


I termini per l’invio della lettera di contestazione corrispondono a 60 giorni dal momento in cui si è venuti a conoscenza formale del licenziamento, dopo aver quindi ricevuto la comunicazione ufficiale contenuta nella lettera di licenziamento. Il mancato rispetto di tale termine fa perdere in automatico al dipendente il diritto di poter contestare il licenziamento.

La seconda fase del processo di impugnazione del licenziamento è rappresentata dal ricorso in Tribunale, alla sezione lavoro. Anche in questo caso ci sono dei termini da rispettare, fissati a 180 giorni dalla spedizione della lettera di licenziamento.

Impugnazione giudiziale del licenziamento


Questa fase del processo di contestazione prende il nome di impugnazione giudiziale del licenziamento:


Tentativo di conciliazione


In alternativa all’atto di ricorso, il lavoratore ha a sua disposizione 180 giorni di tempo per procedere con un tentativo di conciliazione da parte dell’ILT, l’Ispettorato Territoriale del Lavoro.

Gli scenari plausibili a questo proposito sono i seguenti:

  1. l’azienda viene convocata, ma non si presenta alla conciliazione;
  2. l’azienda si presenta, ma non viene raggiunto un accordo con il dipendente;
  3. l’azienda si presenta e si giunge a una conciliazione con il lavoratore.

Qualora si verificasse la prima ipotesi, il lavoratore dovrà fare ricorso al Giudice del lavoro entro 60 giorni dalla mancata conciliazione. Nella seconda ipotesi, invece, riprenderanno a decorrere i 180 giorni di tempo nei quali avrà la possibilità di presentare ricorso al Tribunale.

Impugnazione licenziamento: facsimile lettera di
contestazione


Spett.le

OGGETTO:
IMPUGNAZIONE LICENZIAMENTO

Io sottoscritto, nato a …. il …., residente in …., con la presente impugno formalmente il licenziamento da Voi intimatomi con comunicazione del …., pervenuta in data …., in quando invalido e/o nullo e/o illegittimo e/o inefficace.

Distinti saluti.

Luogo e data

Firma

impugnazione licenziamento

Cosa succede dopo l’impugnazione del licenziamento


L’impugnazione del licenziamento è disciplinata dalla legge n. 92/2012, con la quale è stato introdotto il cosiddetto processo breve per la risoluzione delle controversie. Alla fase dell’impugnazione del licenziamento stragiudiziale, segue quella giudiziale, che si intraprende con il deposito del ricorso davanti al Tribunale.

Il giudice fissa l’udienza di comparizioni nei 40 giorni successivi: il dipendente ha il dover di comunicare al proprio datore di lavoro il giorno in cui si terrà l’udienza almeno 25 giorni prima. Dopo aver ascoltato le parti in causa, il giudice emette un’ordinanza di accoglimento o rigetto della domanda ricevuta dal lavoratore licenziato.

A questo punto:

  1. le due parti hanno 30 giorni di tempo per opporsi all’ordinanza emessa dal giudice, presentando apposita domanda;
  2. in seguito all’opposizione, il giudice fisserà una nuova udienza di comparizione, nei 60 giorni successivi, che dovrà essere comunicata alla controparte almeno 30 giorni prima della stessa.

In caso di opposizione, la domanda deve essere accompagnata dal deposito di una memoria difensiva che sarà ascoltata dal giudice: dopo aver sentito le parti e ammesso le prove e i testimoni, il giudice potrà decidere di accogliere o rigettare la domanda di opposizione.

Il reclamo alla Corte d’Appello


Il lavoratore ha la possibilità di fare reclamo contro la sentenza del giudice rivolgendosi alla Corte d’Appello. Il reclamo:


Anche la sentenza emessa dalla Corte d’Appello può essere impugnata facendo ricorso alla Cassazione. Quest’ultima dovrà fissare un’udienza entro 6 mesi dalla data in cui è stato presentato il ricorso dal lavoratore. Considerato che la Cassazione rappresenta l’ultimo grado di giudizio previsto dall’ordinamento giuridico italiano, dopo la sentenza della Cassazione non sarà più possibile fare ricorso.

Jobs Act e indennizzo economico per il lavoratore


Il Jobs Act ha permesso che un lavoratore licenziato in modo illegittimo abbia diritto a ricevere un indennizzo economico legato ai suoi anni di servizio.

Nello specifico, per i lavoratori assunti dal 7 marzo 2015, è previsto un indennizzo economico:


Leggi anche: “Licenziamento categoria protetta“.

Impugnazione licenziamento: reintegro del lavoratore


Caso a parte riguarda invece il reintegro del lavoratore alla mansione della quale si occupava prima del licenziamento, che si verifica nei casi seguenti:


Il reintegro non è invece previsto nel caso di licenziamento per giustificato motivo di tipo oggettivo, per esempio quello in cui un lavoratore viene licenziato per ragioni di tipo economico: in tale evenienza, il dipendente avrebbe soltanto diritto a ricevere un indennizzo economico a titolo di risarcimento.

Impugnazione licenziamento – Domande frequenti


Quanto tempo si ha per impugnare un licenziamento?

Il lavoratore che è stato licenziato in modo illegittimo ha a sua disposizione 60 giorni di tempo per impugnare il licenziamento contro il suo datore di lavoro.

Cosa fare in caso di licenziamento illegittimo?

L’impugnazione del licenziamento è la procedura attraverso la quale un lavoratore che è stato licenziato in modo illegittimo si oppone conto la volontà del suo datore di lavoro di risolvere il contratto di lavoro.

Quali sono i casi di licenziamento illegittimo?

Il licenziamento illegittimo è quello operato ai danni del lavoratore dipendente senza una giusta causa o senza che ci sia un giustificato motivo oggettivo: scopri come impugnarlo.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!