03 dic 2020
Circolazione Stradale

Passo carrabile: la normativa

Cosa si rischia in caso di sosta davanti al passo carrabile? La normativa in vigore, la tassa da pagare e come fare richiesta.



La normativa


Il passo carrabile, chiamato anche passo carraio, consiste nello sbocco di un’area privata su un’area che è riservata al passaggio pubblico, come per esempio il caso di un garage che dà sulla strada. 

Viene indicato con l’utilizzo dell’apposito cartello che ha la funzione di impedire che qualcuno sosti con il proprio veicolo davanti allo sbocco in questione, rendendone impossibile il libero accesso.

Se lasciare un veicolo davanti a un passo carrabile è vietato, è invece ammessa la sosta breve per il carico e lo scarico delle merci. Oltre che nel già citato articolo 3, si parla del passo carrabile anche:

  1. nell’articolo 22 del Codice della strada, nel quale si legge che “I passi carrabili devono essere individuati con l’apposito segnale, previa autorizzazione dell’ente proprietario”;
  2. nell’articolo 46 del regolamento attuativo;
  3. nelle discipline locali che ne regolano i requisiti e le modalità di rilascio. 

passo carrabile

Richiesta e costo 


Il passo carrabile può essere richiesto da qualsiasi cittadino che voglia rendere libero lo spazio davanti alla propria proprietà privata: il cartello non può essere applicato in modo arbitrario in qualsiasi momento, ma deve esserne fatta richiesta di autorizzazione al proprio Comune

Tale cartello ha un costo in quanto prevede il pagamento di una tassa che è di competenza locale, quindi varia in relazione al Comune nel quale si abita. Oltre al canone annuale, è previsto anche il pagamento di alcune marche da bollo.

Il calcolo del costo dipende dalla profondità, che è di solito di un metro, e non dalla larghezza. Nella pratica, la tassa corrisponde all’occupazione del suolo pubblico e in base ai parametri che si prendono in considerazione, sarà definito il canone annuo da pagare per poter utilizzare il cartello del passo carrabile

Quando è gratuito


La tassa relativa al passo carrabile non si paga:


Rilascio 


Per quanto riguarda il rilascio effettivo del passo carrabile, anche la procedura è diversa in relazione al singolo Comune, ragion per cui si consiglia di rivolgersi allo sportello competente o al sito di riferimento. 

In genere si richiede di compilare alcuni moduli contenenti i dati anagrafici del richiedente, oltre al proprio codice fiscale, alle informazioni su residenza e domicilio e a quelle relative all’area per la quale si sta inviando la richiesta. 

passo carrabile

Caratteristiche del passo carrabile


Una volta che la richiesta è stata accolta, sarà possibile affiggere il cartello del passo carrabile al confine tra la proprietà privata e il suolo pubblico, in modo che sia ben visibile dalla strada. 

Sul cartello devono essere presenti il nome e lo stesso del Comune che lo ha autorizzato, il numero di autorizzazione, il segnale di divieto di sosta e la scritta passo carrabile, altrimenti risulterà illegittimo. 

In assenza di tali informazioni, chi utilizza un cartello improprio può rischiare di dover pagare una multa che va da un minimo di 41 euro a un massimo di 169 euro

Quanti metri


Oltre a quanto detto finora, ci sono altri requisiti da rispettare relativi al segnale di passo carrabile, ovvero:


Multa


Chi non rispetta il passo carrabile, ovvero l’articolo 158 del Codice della strada che prevede il divieto di sosta allo sbocco dei passi carrabili, dovrà pagare una multa che va:


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!