redazione dequo
03 mar 2020
Circolazione Stradale

Ricorso al prefetto per la contestazione di una multa [fac-simile pdf]

Come funziona il ricorso al prefetto per contestare una multa, quali sono i costi, quando invece si può fare ricorso al Giudice di Pace.

Il ricorso al prefetto è una delle procedure che possono essere messe in pratica dai cittadini per contestare una multa, ovvero una sanzione amministrativa ricevuta per una violazione delle regole del Codice della Strada. Un ricorso non viene, ovviamente presentato in ogni evenienza, ma nei casi in cui la multa è considerata illegittima o viziata e dunque il pagamento della sanzione non risulta corretto da parte dell’automobilista. L’unica casistica contro la quale non si può fare ricorso è quella in cui vengono decurtati i punti sulla patente.





Esistono, nello specifico, tre tipologie di ricorsi contro una multa illegittima:





  1. in autotutela;
  2. davanti al Prefetto;
  3. davanti al Giudice di Pace.




Quali sono i casi nei quali si procede con il ricorso al Prefetto? E come funziona l’iter di impugnazione? Vediamo di seguito cosa cambia rispetto al procedimento nel quale il cittadino può proteggersi in autonomia.







Ricorso
prefetto multa: quando è illegittima





Una multa illegittima è quella che presenta dei vizi e che quindi può essere annullata tramite un ricorso. I vizi di forma possono consistere:









L’annullamento di una multa ha valore retroattivo: ciò che significa che è come se la multa non fosse mai stata emessa. Quando si verifica il ricorso in autotutela, il cittadino ha il diritto di poter contestare la multa rivolgendosi direttamente all’Ente che l’ha emanata.





Ci sono casi molto comuni nei quali si verificano errori commessi dall’Ente, che ha il potere ma soprattutto il dovere di provvedere alla correzione e all’annullamento della multa in questione, come per esempio quelli in cui:





  1. arriva una multa per una macchina che è stata venduta e il cui proprietario è dunque un’altra persona;
  2.  arriva due volte lo stesso verbale per la stessa infrazione;
  3. la targa indicata nella multa non è quella del proprio veicolo.




Ricorso al
prefetto multa: tempi





Diverso è invece il caso nel quale ci si rivolge al Prefetto per la contestazione di una multa. Intanto, si hanno a disposizione 60 giorni di tempo per fare ricorso al Prefetto dal momento in cui la contravvenzione è stata notificata.





Tale termine di 60 giorni decorre:









contestazione multa




Ricorso al
prefetto per la contestazione di una multa: come funziona





Il ricorso dal Prefetto contro una multa può essere inviato tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno o in alternativa alla PEC della Prefettura di competenza del luogo in cui si abita:









Ma come si scrivere la contestazione di una multa? Sono disponibili diversi modelli fac-simile per fare ricorso al Prefetto e ognuno può essere personalizzato in base alle proprie necessità.





Il ricorso al Prefetto:





  1. può essere scritto al PC, su carta semplice;
  2. non ha bolli;
  3. deve essere firmato a penna dal ricorrente, che non può delegare nessuno per la firma;
  4. deve contenere la data.




Si consiglia di inserire sempre nell’intestazione dell’atto di impugnazione la dicitura “Ricorso al Prefetto avverso contravvenzione per violazione del codice della strada”.





Nel caso di invio tramite PEC:









Ricorso al
prefetto: quali multe possono essere contestate





Ecco quali sono le tipologie di multe illegittime per le quali è possibile inviare una contestazione al Prefetto al fine di ottenerne l’annullamento.





I dati del proprietario non corrispondono a quelli sulla multa

La
multa è stata notificata dopo 90 giorni dal momento in cui si è svolta
l’infrazione

Non
viene indicata la norma che è stata violata

Non
viene indicato l’agente accertatore

Mancano
le indicazioni di giorno, ora e luogo in cui è stata commessa la violazione

Il
cartello da rispettare è completamente coperto o è stato distrutto da cause
esterne

L’auto
si trovava in un altro luogo rispetto a quanto riportato sulla
contravvenzione

Il
fatto è accaduto diversamente rispetto a quanto riportato sul verbale




Contestazione multa: quanto tempo ha il Prefetto
per rispondere





I tempi di risposta del Prefetto variano a seconda che la contestazione sia stata ricevuta direttamente o sia stata inviata dall’autorità che ha emanato il verbale. Nel primo caso, quando il ricorso viene spedito al Prefetto, quest’ultimo dispone di 210 giorni di tempo per prendere una decisione. Dal momento in cui riceve l’atto di impugnazione, il Prefetto:









Nel secondo caso, i tempi sono differenti. Se si spedisce il ricorso all’organo che ha emesso il verbale, quest’ultimo:





  1. deve inviare la Prefetto l’atto, entro 60 giorni;
  2. il Prefetto dispone poi di 120 giorni di tempo per decidere sul da farsi;
  3. la comunicazione va inoltrata all’automobilista entro 150 giorni.




ricorso al prefetto contestazione multa tempi




Contestazione di una multa: cosa succede
se il Prefetto rigetta il ricorso





Nell’ipotesi in cui il Prefetto dovesse rigettare il ricorso contro la multa, l’automobilista sarà tenuto a pagarla in misura piena, ovvero per un importo superiore rispetto a quello inizialmente indicato sul verbale, che molto spesso corrisponde al doppio della cifra di partenza. 





Il ricorrente ha 30 giorni di tempo per procedere con il pagamento della multa: in questi 30 giorni ha però anche la possibilità di fare ricorso al Giudice di Pace.





Diverso è invece il caso in cui il Prefetto non risponda all’impugnazione del ricorrente nei termini che sono previsti dalla Legge. Cosa succede in questi casi?





In pratica, il ricorso è considerato accolto e non è più possibile procedere con nessun atto di pignoramento o di fermo amministrativo del veicolo che è stato multato. Viene applicata una regola chiamata “silenzio assenso”.





In caso di mancata risposta da parte del Prefetto al ricorso nei tempi stabiliti dalla legge, l’automobilista ha il diritto di rivolgersi al Giudice di Pace nel caso in cui dovesse ricevere una cartella di pagamento da parte dell’Agente per una riscossione, un fermo del veicolo o un pignoramento. 





Ricorso al
Prefetto – Domande frequenti





Entro quanti giorni si può fare ricorso al Prefetto per una multa?

Il ricorso al Prefetto per la contestazione di una multa considerata illegittima deve essere inviato entro 60 giorni di tempo dal momento in cui si riceve la notifica della contravvenzione. Il ricorso può essere inviato tramite PEC o raccomandata A/R, ma non bisogna fare affidamento a un servizio di posta privata perché la loro attestazione di spedizione non fa fede.

Cosa succede se il Prefetto non risponde al ricorso entro i termini?

In base a quanto stabilito dalla legge, il Prefetto ha a sua disposizione 120 giorni di tempo per decidere se accettare o rigettare il ricorso. Nel caso in cui non dovesse farlo nel rispetto dei termini previsti, entra in gioco la cosiddetta regola del silenzio assenso, in base alla quale il ricorso viene considerato accettato.

Cosa succede se il Prefetto rigetta il ricorso contro una multa?

Nell’ipotesi in cui il Prefetto dovesse rigettare il ricorso contro una multa, emetterà un’ordinanza di ingiunzione attraverso la quale il ricorrente sarà obbligato a pagare la multa in misura integrale, entro 30 giorni dalla notifica. L’automobilista avrà comunque la possibilità, sempre entro 30 giorni, di fare ricorso al Giudice di Pace.