26 mar 2021
Diritto Penale

Spiare il cellulare del partner è reato?

Quali possono essere le conseguenze legali derivanti dal fatto di spiare il cellulare del proprio partner? Ecco quali sono i reati che si possono commettere e quali le pene previste.

I rapporti di coppia dovrebbero basarsi sulla fiducia reciproca, ma di tanto in tanto capita che uno dei due si metta a controllare il telefono dell’altro, leggendo i messaggi o spulciando tra le foto. 





Guardare il cellulare del partner è sbagliato e lo si fa per motivi diversi: nel caso di una coppia sposata, per esempio, si potrebbero cercare delle prove di tradimento che siano legalmente valide ai fini della separazione con addebito





In generale vale la pena chiedersi quando violare la privacy dell’altro possa costituire un illecito e cosa si rischia a spiare un cellulare







La violazione della privacy





Il motivo principale che spinge qualcuno a controllare il cellulare del proprio partner è il sospetto che quest’ultimo possa avere una relazione extraconiugale. Per farlo ci si impossessa in modo improprio (quindi a sua insaputa) del suo telefono. 





Questo comportamento può essere considerato un reato? Corrisponde a una violazione della privacy? La sentenza n. 24297 del 2016 della Cassazione ha precisato che il tutto dipende dalle modalità con le quali si agisce. 





Esempi pratici





Per esempio:





  1. se il cellulare viene strappato di mano con violenza al suo proprietario, si sta commettendo il reato di rapina;
  2. se, invece, il telefono viene lasciato in un luogo qualunque, come su una scrivania, che sia accessibile al partner, allora non si sta violando la sua privacy. 




A questo proposito, la sentenza n. 6432 del Tribunale di Roma ha specificato che la privacy tra i coniugi subisce una limitazione naturale per via della condivisione degli spazi. Se il coniuge scopre il messaggio di una sconosciuta sul telefono dell’altro dimenticato in bagno, la colpa non è di certo sua. 





spiare il cellulare del partner




Cosa si rischia a spiare un cellulare





La legge non prevede la possibilità di poter controllare di nascosto lo smartphone altrui, neanche se si tratta del marito o della moglie. Parlando di intercettazioni, si può registrare una conversazione tra presenti, ma non si può lasciare un registratore acceso per ascoltare le conversazioni che il coniuge ha quando si è assenti nella speranza di trovare una prova della sua infedeltà. 





Il caso peggiore consiste nell’installazione di un software spia sul cellulare del proprio coniuge: in questo caso si commetterebbe il reato di interferenze illecite nella vita privata altrui, disciplinato dall’articolo 615 bis del Codice penale. 





La condanna per questo comportamento illecito scatta anche nel caso in cui la vittima sia stata informata da terze persone in merito alla presenza dello spy software: nella pratica, in casi come questo, è impossibile poter parlare di consenso





Reato di interferenze illecite nella vita privata 





L’articolo 615 bis c.p. stabilisce che: 





“Chiunque, mediante l’uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata svolgentesi nei luoghi indicati nell’articolo 614, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni.





Alla stessa pena soggiace, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chi rivela o diffonde, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, le notizie o le immagini ottenute nei modi indicati nella prima parte di questo articolo.





I delitti sono punibili a querela della persona offesa; tuttavia si procede d’ufficio e la pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato”. 





Reato di accesso abusivo a un sistema informatico o telematico





In altri casi, ovvero quando si usa abusivamente il cellulare del partner e si accede ai suoi profili poiché la password è già memorizzata nel sistema oppure si conoscono le sue credenziali, si commette il reato di accesso abusivo a un sistema informatico o telematico





Tale reato è disciplinato dall’articolo 615 ter del Codice penale, in base al quale:





“Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni.





spiare il cellulare del partner




La pena è della reclusione da uno a cinque anni:









Qualora i fatti di cui ai commi primo e secondo riguardino sistemi informatici o telematici di interesse militare o relativi all’ordine pubblico o alla sicurezza pubblica o alla sanità o alla protezione civile o comunque di interesse pubblico, la pena è, rispettivamente, della reclusione da uno a cinque anni e da tre a otto anni.





Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa; negli altri casi si procede d’ufficio”.





Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza





Un altro reato per il quale si potrebbe essere puniti nel caso in cui si spii il telefono del proprio partner è quello di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, disciplinato dall’articolo 616 c.p. 





Tale articolo prevede che: 





Chiunque prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, a lui non diretta, ovvero sottrae o distrae, al fine di prenderne o di farne da altri prender cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta, a lui non diretta, ovvero, in tutto o in parte, la distrugge o sopprime, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 30 a euro 516.





Se il colpevole, senza giusta causa, rivela, in tutto o in parte, il contenuto della corrispondenza, è punito, se dal fatto deriva nocumento ed il fatto medesimo non costituisce un più grave reato, con la reclusione fino a tre anni. Il delitto è punibile a querela della persona offesa.





Agli effetti delle disposizioni di questa sezione, per “corrispondenza” si intende quella epistolare, telegrafica o telefonica, informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza”.





Leggi anche: “Cosa si rischia a inviare screenshot di conversazioni su WhatsApp“.