16 giu 2020

Denuncia e querela: che differenza c’è?

Cosa cambia nel procedimento penale italiano a proposito di denuncia e querela

I
reati procedibili d’ufficio e a querela di parte





La differenza esistente fra una denuncia e una querela dipende sostanzialmente dalla presenza nel diritto penale italiano di due diverse tipologie di reati: quelli perseguibili d’ufficio e quelli a querela di parte.





I primi costituiscono i reati di maggiore gravità e sono quelli per i quali non è necessario l’intervento della vittima di una lesione per agire contro chi l’ha provocata. I reati a querela di parte, invece, rappresentano tutti gli illeciti contro i quali è possibile avviare un’azione giudiziaria solo nel momento in cui la vittima sporge querela.





Questo cappello introduttivo è molto importante al fine di definire le differenze fra una denuncia e una querela che è bene conoscere, soprattutto nel caso in cui ci si dovesse ritrovare a conoscenza di un reato commesso da qualcuno o, nei casi peggiori, nella parte della vittima. In questa guida sarà presentata anche:











Cosa
si intende per denuncia





La denuncia è l’atto con il quale si comunica l’esistenza di un reato perseguibile d’ufficio a un’autorità giudiziaria, quindi al Procuratore della Repubblica, ai Carabinieri, alla Polizia di Stato o alla Guardia di Finanza.





La denuncia non deve essere presentata necessariamente dalla vittima che ha subito un reato, ma da qualunque persona che sia stata testimone o sia venuta a conoscenza di un illecito.





cos'è una denuncia




La denuncia da parte dei privati cittadini è obbligatoria soltanto nei casi in cui:









La
presentazione della denuncia





La denuncia può essere presentata sia in forma orale sia in forma scritta. Nel caso in cui la si presentasse per iscritto, dovrà:





  1. essere sottoscritta da chi l’ha presentata;
  2. contenere l’esposizione dei fatti ai quali si è assistito o dei quali si è venuti a conoscenza;
  3. indicare le generalità del reato che si sta denunciando;
  4. indicare la presenza di eventuali testimoni, con le relative generalità, o di prove.




Termini
e conseguenze di una denuncia





La denuncia non prevede limiti di tempo: può essere dunque presentata in qualsiasi momento dopo che si è stati testimoni o si è venuti a conoscenza di un reato. Per quanto riguarda le conseguenza della denuncia, il primo passaggio è rappresentato dal fatto che la Polizia Giudiziaria farà partire le indagini al fine di accertare quanto è stato denunciato.





La persona che ha presentato la denuncia, potrebbe anche essere chiamata a testimoniare. Nel caso in cui coincidesse con la vittima del reato, avrà la possibilità di costituirsi parte civile nel processo penale al fine di ottenere la restituzione o il risarcimento del danno.





Cosa si intende per querela





A differenza della denuncia che può essere presentata da qualsiasi soggetto, la querela è un atto con il quale la persona che ha subito una lesione manifesta alle Autorità Giudiziarie la volontà che l’autore del reato sia perseguito penalmente, al fine di dimostrare in sede giudiziaria la sua colpevolezza.






Nella
querela dunque:









cos'è una querela




La vittima di un reato non sempre corrisponde con il danneggiato, ovvero con la persona che a causa del reato ha subito un danno economico: quest’ultimo non ha diritto di querela, ma potrà soltanto denunciare un eventuale reato perseguibile d’ufficio. Questa distinzione è importante ma, è bene ribadirlo, nella maggior parte dei casi la persona offesa coincide con quella che è stata danneggiata.





La querela rappresenta la condizione necessaria affinché possano essere procedibili tutti quei reati che non fanno parte della categoria dei reati perseguibili d’ufficio, per i quali il procedimento penale segue il suo naturale corso anche in assenza di querela da parte della vittima.





Termini e conseguenze di una querela





Mentre la denuncia può essere presentata in qualsiasi momento, la querela prevede un termine ben preciso, che corrisponde a tre mesi di tempo dal momento in cui si viene a conoscenza del reato.





In merito alle conseguenze, invece, la querela prevede l’apertura di un procedimento penale al quale seguiranno alcune indagini che avranno lo scopo di accertare i fatti oggetto della querela stessa.





Anche in questo caso, il querelante potrebbe essere sentito dall’Autorità Giudiziaria in qualità di testimone dei fatti. A proposito della procedura con la quale si deposita una querela, è bene essere a conoscenza del fatto che:





  1. la querela può essere presentata anche senza la presenza di un avvocato;
  2. nel caso in cui la vittima abbia intenzione di costituirsi parte civile nel processo penale, allora dovrà essere assistita obbligatoriamente da un legale;
  3. la querela può essere ritirata.




Ritirare una querela: come funziona





La possibilità di ritirare la querela rappresenta un’altra differenza esistente fra querela e denuncia, la quale, essendo un atto irrevocabile, non potrà essere ritirata.





Ci sono due strumenti con i quali praticare il ritiro della querela:









Cos’è
un esposto?





L’esposto si differenzia sia dalla denuncia sia dalla querela in quanto non è disciplinato dal Codice Penale, ma è contenuto nel Libro Unico di Pubblica Sicurezza. Nella pratica consiste nell’esposizione alle autorità di pubblica sicurezza di fatti che non costituiscono un reato, ma si trovano al limite della legalità.





La finalità dell’esposto è più prevendita che non punitiva: si tratta di un fatto che potrebbe degenerare in reato, ma potrebbe anche non subire alcuna evoluzione. L’esposto ha come conseguenza un procedimento amministrativo nel quale l’autorità di pubblica sicurezza tenterà una conciliazione e procederà con la redazione di un verbale.





L’esposto non comunica una notizia di reato, ma rappresenta un tentativo bonario di risolvere una questione. In genere lo si presenta nel momento in cui si ha il dubbio che una determinata situazione possa trasformarsi in un illecito.





Nel
caso in cui contenga fatti penalmente rilevanti e che siano
procedibili d’ufficio, l’esposto crea l’obbligo da parte
dell’autorità di pubblica sicurezza di dover informare l’autorità
giudiziaria.





Differenza
fra denuncia e diffida





Denuncia e diffida sono due concetti abbastanza diversi: nonostante ciò, spesso si tende a confonderli e a utilizzarli in modo improprio. In particolare, la diffida rappresenta l’atto attraverso il quale si invia a qualcuno un avviso formale di compiere o non compiere una determinata azione.





Rappresenta, in altri termini, una intimidazione ad adempiere contenente un avvertimento nei confronti del ricevente: quest’ultimo viene informato del fatto che si potrebbe procedere con l’adire le vie legali o con una denuncia nel caso in cui non smettesse di praticare determinate azioni o in quello in cui praticasse azioni illegittime.





La diffida è disciplinata dall’articolo 1454 del Codice Civile nel quale si legge che: “Alla parte inadempiente l’altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine, con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s’intende senz’altro risoluto. Il termine non può essere inferiore a 15 giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore. Decorso il termine senza che il contratto sia stato adempiuto, questo è risoluto di diritto”.





Denuncia
e querela – Domande frequenti





Quali
sono i reati perseguibili d’ufficio?





I reati perseguibili d’ufficio sono quelli per i quali non è necessaria la volontà della vittima che ha subito una lesione per poterla denunciare.





Quando
denunciare una persona?





Sebbene la denuncia sia un atto non obbligatorio da parte dei cittadini privati, può essere effettuata da chiunque venga a conoscenza di un reato o ne sia testimone.





A
cosa serve la querela?





La querela è un atto attraverso il quale la vittima di un reato manifesta la sua volontà affinché venga avviato un processo penale contro l’autore della lesione.


Articoli correlati