12 dic 2022
Locazione

Come funziona il bonus mobili ed elettrodomestici 2023: requisiti e come richiederlo

Come funziona il bonus mobili ed elettrodomestici, misura che è stata prorogata anche per il 2023, collegata al bonus ristrutturazioni e con la quale si possono ottenere detrazioni fiscali al 50%.



Chi ha diritto al bonus mobili?


Il bonus mobili ed elettrodomestici prevede una detrazione IRPEF del 50% per i contribuenti che acquistano mobili ed elettrodomestici nel corso di una ristrutturazione edilizia, in vigore fino al 31 dicembre 2024 – salvo eventuali modifiche previste nel prossimo anno.

Il bonus mobili può essere richiesto non solo dai proprietari di un immobile oggetto di ristrutturazione, ma anche dai titolari di diritti reali o personali di godimento su un dato immobile, come per esempio l’usufrutto o il diritto di superficie.

Le detrazioni possono spettare anche a:


Bonus mobili 2023 con ristrutturazione


La ristrutturazione potrà essere effettuata:


La data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve essere antecedente a quella in cui si effettua l’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Le spese effettive per la ristrutturazione, invece, possono essere effettuate anche in un momento successivo. 

La detrazione potrà essere utilizzata anche per arredare un ambiente che non sia quello dell’immobile per il quale è in corso la ristrutturazione, oppure per una pertinenza dell’immobile. Al contrario, per i lavori sulle parti condominiali, la detrazione spetta solo nel caso in cui i beni siano acquistati per arredare le parti condominiali e non possono essere applicate all’arredo della propria abitazione. 

Bonus mobili 2023 senza ristrutturazione


Nella pratica, non esiste un vero e proprio bonus mobili senza ristrutturazione. I lavori che permettono di poter utilizzare il bonus mobili ed elettrodomestici sono:


Questi interventi sono validi sia su singoli appartamenti, sia su parti comuni di edifici. Si possono inoltre portare in detrazione le spese di montaggio e di trasporto dei beni acquistati.

LEGGI ANCHE Sismabonus 2023: come funziona


bonus mobili ed elettrodomestici

Bonus mobili 2023: come richiederlo


La detrazione al 50% è valida per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici che siano almeno di classe A nel caso dei forni, E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, F per i frigoriferi e i congelatori.

Sarà suddivisa in 10 quote annuali aventi lo stesso importo, da calcolare su una spesa complessiva non superiore a 8.000 euro. Qualora si eseguissero lavori di ristrutturazione su più immobili, si avrebbe la possibilità di poter usufruire del beneficio più volte

Bonus mobili 2023 Agenzia delle Entrate: come funziona


Per poter godere della detrazione fiscale, sarà necessario inviare la comunicazione degli elettrodomestici che sono stati acquistati a Enea, in particolar modo quella relativa a forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavatrici e lavasciuga. 

Non rientrano nel bonus: 


Quali mobili si possono comprare


Il bonus mobili non potrà essere utilizzato per l’acquisto di qualsiasi tipologia di elemento d’arredo, ma unicamente per i mobili che vengono considerati necessari per completare l’arredamento dell’immobile. Vi rientrano, per esempio, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione.

Si possono quindi comprare cucine, divani, letti, materassi, ma la detrazione fiscale non potrà essere applicata all’acquisto di:


Elettrodomestici


Tra gli elettrodomestici per i quali si può ricevere la detrazione, ci sono frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

LEGGI ANCHE Ecobonus casa: cosa cambia nel 2023

bonus mobili ed elettrodomestici

Bonus mobili e pagamenti


La detrazione sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici non sarà valida per i pagamenti effettuati in contanti o tramite assegni bancari. Saranno invece accettati tutti gli strumenti di pagamento tracciabili, ovvero:


I beni possono essere acquistati anche con un finanziamento a rate: è molto importante che il contribuente conservi la copia della ricevuta di pagamento.

Bonus mobili ed elettrodomestici: documenti


I documenti necessari per richiedere il bonus saranno pertanto:


Il contribuente avrà a propria disposizione 90 giorni dal termine dei lavori per trasmettere la documentazione prevista. 

Bonus mobili ed elettrodomestici – Domande frequenti


Quali sono i lavori di ristrutturazione che danno diritto al bonus mobili?

Il bonus mobili può essere richiesto per diverse tipologie di interventi sul proprio immobile: clicca per scoprire quali sono.

Quando si ha diritto al bonus mobili 2023?

Il bonus mobili può essere richiesto nel caso di ristrutturazione edilizia di un immobile: ecco in quali casi lo si può ottenere.

Come ottenere bonus elettrodomestici 2023?

Il bonus elettrodomestici può essere ottenuto su importi fino a un massimo di 8.000 euro, ma solo nel caso in cui l’acquisto rispetti alcuni requisiti: scopri quali sono.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!