redazione dequo
02 mar 2020
Giurisprudenza

Bonus nido 2020: come e quando fare domanda all’INPS

La circolare INPS del 14 febbraio 2020 specifica le modalità attraverso le quali fare domanda per ricevere il bonus asilo nido 2020.

Il bonus asilo nido è un contributo economico che spetta alle famiglie per il pagamento delle rette dell’asilo nido, pubblico o privato, dei bambini di età compresa fra 0 e 3 anni o per sostenere i bambini che a causa di gravi patologie non possono frequentare un asilo e devono restare in casa. Gli importi saranno distribuiti a scaglioni in relazione al reddito ISEE e sono validi anche nel caso di figlio adottivo.





La procedura per la presentazione della domanda bonus nido 2020 è attiva dal 17 gennaio 2020: la circolare INPS n. 27, pubblicata in data 14 febbraio 2020, ha specificato dettagli di accesso ai benefici e le modalità di presentazione delle domande in relazione al 2020.





In questa guida saranno esplicitate le informazioni in merito al bonus
asilo nido 2020: dagli importi previsti in base all’ISEE a quando fare domanda
all’INPS.







Bonus nido
2020: gli importi





I contributi economici del bonus asilo 2020 sono stati incrementati rispetto al 2019 attraverso la legge n. 160 del 27 dicembre 2019, con la quale sono stati fissati i relativi importi legati al reddito ISEE dei nuclei familiari che ne fanno richiesta.





Nello specifico, le cifre previste sono le seguenti:









L’importo massimo mensile erogabile corrisponde a:





  1. 272,72 euro per i redditi fino a 25.000 euro;
  2. 227,27 euro per i redditi compresi fra 25.001 e 40.000;
  3. 136,37 euro per redditi a partire da 40.001.




Chi non ha mai presentato la richiesta, può fare domanda seguendo la procedura prevista per il 2020. Chi, al contrario, ha già ricevuto il bonus asilo nido 2019, dovrebbe ricevere un SMS nel quale sarà comunicato di confermare (o eventualmente modificare) i dati presenti nella domanda precompilata dall’INPS, senza la necessità di dover fare una nuova richiesta da capo per il 2020.





Bonus nido
2020: quando fare domanda





Le domande relative al bonus nido 2020 possono essere presentate a
partire dal 17 gennaio 2020. Nella domanda bisognerà specificare:









Nel caso in cui si avesse più di un figlio, non si dovrà presentare una domanda unica, ma una diversa per ciascuno. Dovrà inoltre essere specificato:









Bonus nido
2020: documenti richiesti





Nel momento in cui viene presentata la domanda di ricezione del bonus asilo nido 2020, dovrà essere allegata:









L’ISEE non è obbligatorio perché non ci sono requisiti di reddito: nel caso in cui il documento ISEE non fosse allegato alla domanda, sarebbe applicata in automatico l’erogazione del contributo minimo annuale previsto, ovvero 1.500 euro.





I documenti potranno essere caricati direttamente sul sito dell’INPS, nell’apposita funzione Allegati, oppure tramite l’utilizzo dell’applicazione INPS mobile, nella quale è disponibile il servizio “Bonus nido allegazione”.





Nella ricevuta di pagamento da allegare, dovranno essere indicati:





  1. il nome e la partita IVA dell’asilo;
  2. il codice fiscale del minore;
  3. il mese al quale si riferisce il pagamento;
  4. gli estremi del pagamento;
  5. il nominativo del genitore.




Nel caso in cui si stesse facendo domanda per ricevere il sostegno economico domiciliare, sarà invece necessario allegare una dichiarazione da parte del pediatra in merito alle condizioni di salute del minore.





bonus asilo nido 2020 documenti




Bonus nido
2020: come fare domanda





La domanda per la ricezione del bonus asilo nido 2020 può essere inviata:









Il bonus sarà erogato in base alla modalità indicata nella domanda,
che può essere:





  1. accredito su conto corrente bancario o postale;
  2. bonifico domiciliato;
  3. libretto postale;
  4. carta prepagata dotata di IBAN.




Bonus asilo
nido 2020: precisazioni





L’INPS ha fornito alcuni importanti chiarimenti in relazione ai bonus elargiti nel 2019:









La scadenza per la presentazione della documentazione di spesa per il bonus nido 2019 è il 1° aprile 2020 e vale anche per le strutture private.





A tal proposito, con “asili nido privati autorizzati” ci si riferisce alle strutture che hanno ricevuto l’autorizzazione da parte dell’ente locale di competenza, in seguito a verifica:









domanda bonus asilo nido 2020




Bonus nido
2020: chi può richiederlo





La domanda per il bonus asilo nido 2020
può essere presentata:









Requisito fondamentale è quello di essere residenti in Italia. Chi richiede il contributo come supporto domiciliare, deve anche convivere con il soggetto minore.





Bonus nido
2020: erogazione del contributo





Per il 2020 sono stati previsti 520 milioni di euro che saranno erogati:









Il bonus asilo nido è cumulabile con il bonus mamma domani, che corrisponde a un contributo di 800 euro rivolto alle future mamme, che si trovano al settimo mese di gravidanza, o che abbiano intenzione di adottare un figlio. Anche in questo caso, il bonus non prevede requisiti di reddito.





Bonus nido
2020: quando si verifica la decadenza dei requisiti





Il bonus asilo nido 2020 non potrà più
essere ricevuto nel caso in cui:









Nel momento in cui l’INPS viene a conoscenza della mancanza dei requisiti previsti per legge, interrompe il versamento del contributo a partire dal mese successivo.





Una possibilità offerta ai genitori è il subentro del bonus da un soggetto all’altro: per effettuare il cambio è necessario fare richiesta entro 90 giorni dal momento in cui si sono verificate le cause di decadenza.





Bonus nido
2020 – Domande frequenti





Il bonus nido 2020 prevede contributi soltanto per gli asili pubblici?

Il contributo economico del bonus asilo nido 2020 si applica non solo agli asili nido pubblici, ma anche agli asili privati autorizzati dall’ente territoriale di competenza.

A quanto ammonta il bonus nido 2020?

Il bonus nido 2020 viene versato a tutti i nuclei familiari che ne fanno richiesta: sono previsti fino a 3 milla euro per le famiglie con un reddito inferiore a 25.000 euro, 2.500 euro per le famiglie con reddito compreso fra i 25.001 e i 40.000 euro, e 1.500 euro per chi supera i 40.001 euro di reddito.

Chi ha fatto domanda per il bonus nido 2019 deve ripresentarla?

Chi ha presentato la domanda per il bonus nido 2019, può avere accesso alla domanda precompilata presente sul sito dell’INPS: per inoltrare la domanda 2020 basterà confermare o modificare i dati precaricati.

Per ricevere il bonus è necessario presentare l’ISEE?

L’ISEE non è obbligatorio in quanto il bonus asilo nido non presenta limitazioni di reddito, ma è un contributo che si rivolge a tutti i nuclei familiari. Si consiglia di presentare l’attestazione ISEE se si ha diritto a ricevere il contributo massimo, ovvero 3.000 euro: in caso contrario si riceverebbero in automatico i 1.500 euro che rappresentano l’importo minimo erogabile.