29 mag 2021
Diritto del Lavoro

Contratto di solidarietà: quanto si perde e come funziona

Cosa sono i contratti di solidarietà, quali sono le differenti tipologie che possono essere attivate e da chi, come funziona la domanda e quanto si perde rispetto alla propria retribuzione.

Il contratto di solidarietà è un accordo che viene stipulato tra l’azienda e le rappresentanze sindacali e che ha come oggetto la riduzione dell’orario lavorativo

L’obiettivo è quello di:


Di seguito saranno analizzate le due tipologie di contratti di solidarietà che esistono per legge, ovvero:



TIPO A: i contratti di solidarietà difensivi per le aziende in regime di CIGS


I contratti di solidarietà di tipo A sono riservati:


Può accedervi tutto il personale dipendente, tranne i dirigenti, gli apprendisti, i lavoratori a domicilio, i lavoratori con anzianità aziendale inferiore a 90 giorni, i lavoratori assunti a tempo determinato per attività stagionali.

Vi possono accedere anche i lavoratori part-time, ma solo nell’ipotesi in cui l’azienda dimostri “il carattere strutturale del part-time nella preesistente organizzazione del lavoro”.

Leggi anche: “Cos’è il contratto a chiamata“.

contratto di solidarietà

Importo


Per quanto riguarda l’importo che si riceverà per la riduzione delle ore lavorative, si tratta:


Durata


La durata di questo genere di contratti è pari a 24 mesi, che potranno essere prorogati fino a ulteriori:


Una volta superata la durata massima complessiva, sarà possibile firmare un nuovo contratto dopo che siano trascorsi 12 mesi dal precedente. 

Domanda


In merito alla domanda di attivazione del contratto di tipo A: 

  1. in primo luogo si dovrà stipulare un C.d.S. con i sindacati;
  2. il datore di lavoro dovrà poi fare richiesta di integrazione salariale presentando il mod. CIGS SOLID1 al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione generale per gli ammortizzatori sociali ed incentivi all’occupazione. 

La domanda dovrà essere accompagnata dall’originale del contratto di solidarietà e dall’elenco dei lavoratori per i quali se ne richiede l’attivazione: la concessione dovrà avvenire entro 30 giorni di tempo. 

Leggi anche: “Cos’è il contratto di somministrazione“.

contratto di solidarietà

Tipo: contratti di solidarietà per le imprese che non rientrano nella CIGS


I contratti di solidarietà sono stati estesi anche ai lavoratori dipendenti, fatta eccezione per i dirigenti, che siano impiegati in:


In questo caso l’importo del C.d.S. è pari al 25% della retribuzione persa dal lavoratore e dall’azienda e la durata massima complessiva, per la quale non sono previste proroghe, è pari a 24 mesi