Giurisprudenza

Quali obblighi ha la banca nei confronti del correntista?

Quali sono i principali obblighi della banca in base al Testo Unico bancario: dal principio di diligenza a quello di trasparenza.

In Italia al momento non esiste una norma che regoli nel dettaglio i diritti dei correntisti, o delle persone che richiedono un prestito a una banca o ancora di chi detiene una cassetta di sicurezza. Per questo motivo, l’unico riferimento è rappresentato dal Testo Unico bancario, un documento nel quale sono inseriti gli obblighi delle banche.





In primo luogo è bene sottolineare che i rapporti fra una banca e un correntista devono essere necessariamente stipulati in forma scritta: nel momento in cui si apre un conto corrente, la banca è tenuta a fornire una copia scritta del contratto, accompagnata dal foglio informativo che illustra le condizioni alla base del conto corrente stesso.





Al suo interno deve essere presente l’Isc, ovvero l’Indicatore sintetico di costo, nel quale è presentato il dettaglio dei costi in relazione a varie tipologie di cliente.





Di seguito sarà illustrato il dettaglio relativo ai vari obblighi di una banca nei confronti dei suoi correntisti.







L’obbligo
di informazione e di consegna della documentazione





L’obbligo di informazione e la consegna della relativa documentazione costituiscono le prime due responsabilità di una banca. L’informazione è infatti necessaria per identificare ciò che la banca richiede al cliente. Al contempo, soltanto un cliente ben informato potrà fare scelte consapevoli.





testo unico bancario




In particolare, il diritto da parte del cliente a ricevere la documentazione bancaria è sancito dagli articoli 1374, 1375 e 119 del Testo Unico Bancario (TUB). Prima della conclusione del contratto, il cliente ha il diritto a ricevere la copia completa dello schema di contratto.





Prima della sottoscrizione vera e propria, la banca sarà tenuta a inviare anche:









L’obbligo di consegna della documentazione è stato ribadito dall’Allegato 1 del Provvedimento di Banca D’Italia del 29 luglio 2009, sulla Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari, nel quale si legge che:





Prima della conclusione del contratto, l’intermediario consegna al cliente, su sua richiesta, una copia completa del testo contrattuale idonea per la stipula; a scelta del cliente può essere consegnato il solo documento di sintesi. La consegna avviene entro tempi congrui rispetto alla richiesta. […]





La consegna non impegna le parti alla stipula del contratto. Il diritto del cliente di ottenere copia del testo contrattuale o del solo documento di sintesi non può essere sottoposto a termini o condizioni. In caso di modifica delle condizioni contrattuali indicate nella copia consegnata al cliente, l’intermediario, prima della conclusione del contratto, ne informa il cliente stesso e, su richiesta di quest’ultimo, gli consegna una copia completa del nuovo testo contrattuale idonea per la stipula ovvero una nuova copia del documento di sintesi. Il presente paragrafo si applica anche in caso di offerta fuori sede“.





La banca ha dunque la possibilità di modificare le condizioni di un conto corrente senza richiedere il consenso del cliente, ma ha l’obbligo di comunicare le modifiche almeno 60 giorni prima per dare la possibilità al contraente di valutare l’apertura di un altro conto corrente.





testo unico bancario




Gli
obblighi della banca: apertura e chiusura di un conto corrente





Nel momento in cui si apre un conto corrente, la banca:









Il correntista ha a sua volta il diritto di:





  1. cambiare conto corrente, scegliendo quello di un’altra banca, in modo del tutto gratuito;
  2. in questo caso, dovrà essere inviata una comunicazione alla vecchia banca e gli estremi del vecchio conto corrente alla nuova banca;
  3. eventuali RID e pagamenti periodici saranno dirottati sul nuovo conto corrente;
  4. scegliere di comunicare con la banca attraverso la forma digitale o quella cartacea.




Nel caso in cui si dovesse perdere il contratto ricevuto dalla banca,
si ha diritto a richiederne una copia all’istituto di credito.





Gli
obblighi della banca: l’estratto conto





La banca non può rifiutarsi di inviare, almeno una volta all’anno, un estratto conto contenente tutte le movimentazioni che sono state eseguite dal cliente:









In base all’articolo 119 del TUB, la banca è tenuta a conservare per 10 anni tutte le operazioni relative a bonifici, prelievi allo sportello, versamenti, copie degli assegni. Dal momento della richiesta a quello in cui si ricevono i documenti relativi a singole operazioni, non dovrebbero trascorrere più di 90 giorni. La banca può eventualmente addebitare al cliente i costi necessari a produrre la documentazione richiesta.





L’obbligo
di diligenza





Il dovere primario delle banche è quello di occuparsi della raccolta del risparmio e dell’erogazione del credito: proprio in relazione alla loro funzione, che è di interesse pubblico, le banche sono tenute ad agire non solo a favore dell’utente, ma anche a sostegno di tutte le imprese che sono inserite nel sistema, favorendo le comunicazioni e le informazioni reciproche.





Alle banche è dunque richiesto un grado di diligenza in più e l’attuazione di maggiori cautele: si parla di diligenza del bonus argentarius, proprio per indicare la maggior prudenza che viene richiesta alle banche in relazione alla loro funzione.





L’obbligo
di trasparenza





L’obbligatorietà della trasparenza delle operazioni e dei servizi offerti da una banca mirano a fornire ai correntisti le informazioni relative al contratto sottoscritto e a eventuali variazioni, favorendo in questo modo la concorrenza dei mercati bancario e finanziario.





I principi di trasparenza sono riportati nell’allegato 1 del Provvedimento Banca d’Italia 29 luglio 2009, e sono i seguenti:





  1. le forme di pubblicità sui tassi, sui prezzi e sulle altre condizioni contrattuali in vigore su operazioni e servizi;
  2. i requisiti di forma e contenuto minimo che devono avere i contratti;
  3. le forme di tutela a eventuali variazioni delle condizioni contrattuali e delle comunicazioni periodiche;
  4. eventuali regole nel caso in cui la comunicazione sia a distanza;
  5. i requisiti organizzativi per prevenire i rischi legali e di reputazione.




Nelle forme di pubblicità indicate al primo punto, rientrano:









Uno degli elementi più importanti fra quelli contenuti nel foglio illustrativo è l’Indicatore sintetico di costo: si tratta di un valore calcolato attraverso la somma dei costi annuali di un conto corrente, sia i fissi sia i variabili, su sei profili tipo di consumo e permette di confrontare tra loro i costi delle varie tipologie di conto corrente.





I profili presi in considerazione sono:









Gli obblighi della banca in caso di
mutuo





La banca ha il diritto di non concedere un mutuo a un richiedente, ma ha l’obbligo di motivare l’eventuale rifiuto. Per i clienti esiste la possibilità di effettuare la portabilità del mutuo, ovvero di trasferirlo da una banca a un’altra che presenta condizioni più favorevoli: l’operazione, nota come surroga del mutuo, è gratuita.





Obblighi di una banca – Domande
frequenti





Cos’è il TUB?

Il TUB, ovvero il Testo Unico Bancario, è un testo che regola la materia bancaria e creditizia. È stato emanato dalla direttiva 1989/646/CE ed è in vigore dal 1° gennaio 1994. Il testo include le norme che regolano i gruppi bancari, le autorità creditizie, i poteri di vigilanza, la trasparenza delle condizioni contrattuali e sul credito al consumo, mentre esclude le leggi sulla tutela della concorrenza e sull’intermediazione immobiliare.

Cosa deve contenere il foglio informativo?

Il foglio informativo, che è uno dei documenti che la banca ha l’obbligo di inviare al cliente, deve contenere le informazioni sull’intermediario, le caratteristiche dei servizi offerti, l’elenco di tutte le condizioni economiche, le clausole relative al diritto di recesso e alla chiusura del contratto, la copia dello schema di contratto, i servizi accessori.

Cos’è l’Isc?

L’indicatore sintetico di costo di un conto corrente è un elemento che ha la funzione di indicare il costo complessivo di un conto corrente in base a 6 profili di cliente tipo: ogni banca ha l’obbligo di comunicarlo prima dell’apertura dello stesso conto corrente. È stato introdotto da Banca d’Italia con l’obiettivo di aumentare la trasparenza nei confronti dei consumatori.