12 nov 2020
Pensioni

Pensione anticipata per invalidità

Quali sono i requisiti da rispettare per ricevere un trattamento pensionistico in anticipo a causa di un'invalidità: tutti i casi attualmente in vigore.

La pensione anticipata per invalidità INPS è una forma di prepensionamento alla quale possono avere accesso i lavoratori invalidi





Il livello di invalidità del lavoratore deve essere accertato dalla commissione medica dell’INPS, che ne stabilisce l’eventuale capacità lavorativa residua. 





In questa guida presenteremo quali sono i requisiti di età e di invalidità dei quali è necessario essere in possesso per poter avere accesso a questa forma di pensione anticipata







Come funziona la pensione anticipata per invalidità





La pensione anticipata per invalidità può essere ottenuta se si ha un’invalidità che sia almeno pari al 74%. Non si tratta di una prestazione previdenziale, quindi non dipende dai contributi che sono stati versati. 





Al contrario, è una prestazione di tipo assistenziale che corrisponde alla cosiddetta “pensione di invalidità civile”. Questa forma di pensione si rivolge ai soggetti disoccupati, che abbiano:









Leggi anche: “Pensione anticipata per malattia“.





pensione anticipata invalidità




In caso di invalidità al 74%, si ha comunque la possibilità di poter accedere a trattamenti pensionistici che si basano sui contributi versati, tra i quali rientrano:









Vediamo di seguito quali sono le caratteristiche delle tre tipologie di pensione anticipata per invalidità citate. 





Assegno ordinario di invalidità





Gli invalidi al 74% possono ricevere l’assegno ordinario di invalidità, ma dovranno essere in possesso di almeno 5 anni di contributi INPS, dei quali 3 versati negli ultimi 5 anni, e di un’anzianità assicurativa di almeno 5 anni.





L’invalidità civile non corrisponde però all’invalidità al lavoro necessaria per ricevere l’assegno ordinario di invalidità e che dovrà essere superiore ai due terzi





L’assegno ordinario di invalidità non è una pensione vera e propria e ha una durata massima di 3 anni, con possibilità di rinnovo da parte del beneficiario.





Pensione anticipata lavoratori precoci





I lavoratori precoci sono quelli in possesso di 12 mesi di contributi versati prima del compimento del 19° anno di età: se hanno un’invalidità civile di almeno il 74%, possono avere accesso alla pensione anticipata lavoratori precoci





Questo trattamento pensionistico si potrà ottenere:









La pensione potrà essere ottenuta anche in regime di cumulo, ovvero sommando le contribuzioni versate presso gestioni previdenziali differenti, e viene erogata con una finestra mobile di 3 mesi. 





pensione anticipata invalidità




Ape sociale





Ape sociale è una prestazione di accompagnamento alla pensione di vecchiaia, riconosciuta agli invalidi civili almeno al 74% e che permette di ricevere un assegno pensionistico fino a un massimo di 1.500 euro. 





Può essere ottenuta da chi ha almeno 63 anni di età e ha versato 30 anni di contributi. Le lavoratrici con figli potranno ricevere la riduzione dei contributi pari a un anno per ogni figlio, fino a un massimo di 2 anni. 





L’Ape sociale non viene più corrisposta al compimento dei 67 anni di età, ovvero la soglia anagrafica prevista nella pensione di vecchiaia





La pensione di vecchiaia anticipata per invalidità 





Oltre a quanto detto finora, esiste anche una forma di pensione di vecchiaia anticipata riservata ai lavoratori con un’invalidità pari, almeno, all’80%





Il trattamento permette di andare in pensione con 20 anni di contributi:









Questa tipologia di pensione può essere richiesta solamente dai lavoratori dipendenti del settore privato, ovvero da quelli iscritti all’AGO che rientrano nel sistema contributi misto. Non vi rientrano quindi i lavoratori autonomi o i lavoratori dipendenti del settore pubblico. 





Ai lavoratori con invalidità superiore al 74% è inoltre riconosciuta, ai sensi della legge 388 del 2000, la possibilità di ottenere una maggiorazione contributiva.





Nello specifico, si possono richiedere due mesi di contribuzione figurativa per ogni anno di lavoro svolto, fino a un massimo di 5 anni





Tale maggiorazione non avviene in modo automatico, ma potrà essere richiesta presentando la relativa domanda dai soli lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni o delle aziende private