Diritto del Lavoro

Permesso di soggiorno per lavoro 2020: requisiti e durata

La richiesta di permesso di soggiorno per lavoro e come fare il rinnovo in caso di soggiorno scaduto.

Cos’è
il permesso di soggiorno





Il permesso di soggiorno è il documento che permette ai cittadini stranieri di risiedere sul territorio italiano in modo regolare. Non è necessario per i cittadini europei, che non hanno bisogno neanche di passaporto o di visto di ingresso per entrare in Italia, ma deve essere richiesto dai cittadini extracomunitari e dagli apolidi.





Tutti i dettagli su come si effettua la richiesta di un permesso di soggiorno sono contenuti sul Portale dell’Immigrazione e sul sito del Ministero dell’Interno. La richiesta deve essere effettuata entro 8 giorni lavorativi dal momento in cui si è arrivati in Italia, anche se si ha intenzione di soggiornare per un breve periodo.





Il permesso di soggiorno permette ai cittadini stranieri di accedere a diritti e servizi dei quali possono godere proprio in relazione al loro status, e di potersi iscrivere nelle liste anagrafiche al fine di ottenere carta di identità e codice fiscale, che serviranno per poter avere accesso all’assistenza sanitaria.







Richiesta
e durata del permesso di soggiorno





La richiesta del permesso di soggiorno, a prescindere che si tratti del primo rilascio o di un rinnovo, deve essere inviata all’Ufficio Immigrazione della Questura relativa al luogo di residenza del cittadino straniero.





La durata del permesso di soggiorno, invece, dipende dalla motivazione per la quale viene rilasciato e corrisponde a quella prevista per il visto d’ingresso. Nello specifico, si tratta di:









Cos’è
il permesso di soggiorno per lavoro





Il permesso di soggiorno per motivi di lavoro è una particolare forma di permesso di soggiorno, la quale viene rilasciata in seguito alla sottoscrizione del contratto di soggiorno per lavoro.





La durata del permesso di soggiorno per lavoro può essere di:





  1. massimo 9 mesi, nel caso di uno o più contratti di lavoro stagionale;
  2. 1 anno, nel caso di contratto di lavoro subordinato a tempo determinato;
  3. 2 anni, nel caso di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.




Rinnovo
del permesso di soggiorno alla scadenza





La domanda per il rinnovo del permesso di soggiorno deve essere presentata entro 60 giorni prima della scadenza, presso la Questura della provincia nella quale il cittadino straniero non comunitario risiede.





Il rinnovo è possibile, ma si deve essere in possesso di alcuni requisiti, tra i quali rientrano:









permesso di soggiorno




Quali sono i casi in cui il permesso di soggiorno non può più essere rinnovato o prorogato? Si tratta delle ipotesi in cui:









In queste evenienze, il rinnovo del permesso di soggiorno è possibile soltanto se l’interruzione sia stata dovuta a comprovate necessità, come per esempio quella legata agli obblighi militari. In caso di mancato rinnovo del permesso di soggiorno, il cittadino straniero sarà cancellato dall’anagrafe dopo 6 mesi dalla scadenza.





I cittadini che sono invece in attesa del rinnovo e hanno ricevuto un cedolino dalla Questura, sono considerati a tutti gli effetti immigrati regolari e possono dunque svolgere qualsiasi tipologia di attività lavorativa.





Le
tipologie di permesso di soggiorno per lavoro





Il
permesso di soggiorno per lavoro può fare riferimento:









I
requisiti da possedere per ottenere il permesso di soggiorno per
lavoro





Sono tre i requisiti richiesti per poter accedere al permesso di soggiorno per lavoro:





  1. il possesso di un visto di ingresso, che i cittadini stranieri devono avere per poter entrare in Italia in modo regolare;
  2. la regolarità dell’ingresso, in base alle disposizioni contenute nel Testo Unico sull’Immigrazione;
  3. la presentazione della richiesta entro 8 giorni dall’arrivo in Italia.




Quelli
appena elencati costituiscono i requisiti generici di base: poi ce ne
sono altri che invece variano in relazione alla tipologia di
contratto di lavoro.





Requisiti
per il contratto di lavoro autonomo





Il
lavoratore dovrà dimostrare di essere in possesso di:









Requisiti
per il lavoro subordinato e stagionale





Il rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato e stagionale è invece possibile nel caso in cui:









Dove
fare richiesta





Il permesso di soggiorno per lavoro può essere richiesto:





  1. presso gli Uffici Postali:
  2. in Comune;
  3. presso i patronati abilitati.




La richiesta è obbligatoria presso l’Ufficio immigrazione delle Questura nel caso di permesso di soggiorno richiesto per motivi di:









I
documenti richiesti





I documenti da presentare per richiedere il permesso di soggiorno per lavoro cambiano in relazione all’ente al quale ci si rivolge. Nel caso di un Ufficio Postale, basterà richiedere il kit giallo gratuito, che dovrà essere compilato in ogni singola parte.





Dovranno
poi essere presentati i seguenti documenti:









requisiti permesso di soggiorno




Il kit dovrà essere consegnato presso lo Sportello Amico presente negli Uffici Postali abilitati. Si riceverà una ricevuta con ologramma contenente i codici di sicurezza da utilizzare per accedere all’area riservata sul Portale Immigrazione e verificare lo stato di lavorazione della domanda.





Quest’ultima dovrà poi essere presentata in Questura al momento del ritiro del permesso di soggiorno, in base alla data di appuntamento fissata, durante il quale saranno effettuati anche i rilievi fotodattiloscopici.





Lo stato di lavorazione della propria richiesta di permesso di soggiorno potrà essere verificato anche sul sito della Polizia di Stato: si dovrà inserire il numero della pratica o quello rilasciato da Poste Italiane nella sezione “Il tuo permesso di soggiorno”.





Chi preferisse rivolgersi in Comune o in uno dei patronati abilitati, dovrà richiedere direttamente la domanda per il permesso di soggiorno per lavoro: una volta compilata la si dovrà consegnare sempre presso lo Sportello Amico presente in Posta.





Quanto costa il permesso di soggiorno per lavoro





Dall’11 dicembre 2006 il permesso di soggiorno è rilasciato in formato elettronico: si tratta dunque di una card magnetica dotata di chip nella quale sono contenute informazioni quali le generalità del cittadino, il codice fiscale, la foto, il numero e la tipologia di documento, la data di emissione, la validità del permesso, il motivo del soggiorno.





Ecco quali sono, invece, i costi da sostenere per poter avere il permesso di soggiorno per lavoro.






Voce di costo

Importo

Costo del permesso
di soggiorno elettronico

30,46 euro + un
eventuale contributo

Costo per la
spedizione della domanda dall’Ufficio Postale alla Questura

30 euro

Marca da bollo

16 euro

Contributo rilascio
o rinnovo permesso di soggiorno di durata compresa fra 3 mesi e 1
anno

70,46 euro

Contributo rilascio
o rinnovo permesso di soggiorno di durata compresa fra 1 e 2 anni

80,46 euro

Contributo rilascio
o rinnovo permesso per soggiornanti di lungo periodo, dirigenti o
lavoratori specializzati

130,46 euro




Permesso di soggiorno per lavoro scaduto: le novità del decreto Cura Italia





Il decreto Cura Italia ha introdotto una serie di proroghe relative a documenti di diversi tipo, fra i quali rientrano anche i permessi di soggiorno 2020.





Nello specifico, le prorogeh segannoirà il seguente calendario: