17 ago 2021
Diritto Penale

Sospensione condizionale della pena: come funziona

La sospensione condizionale della pena è un istituto giuridico che ha una funziona rieducativa: ecco come funziona, quando può essere applicata e quando si procede con la revoca.

Quando si parla di sospensione condizionale della pena ci si riferisce al fatto che viene interrotta, in modo provvisorio, l’esecuzione di una pena integrale

Sono tante le domande che possono sorgere in merito a questo istituto giuridico, come per esempio:


Vediamo di seguito di cosa si tratta e come funziona, se comporta l’estinzione del reato e quando si può ricorrere al patteggiamento


Sospensione condizionale della pena: cos’è


La sospensione condizionale della pena non è altro che un istituto giuridico disciplinato dagli articoli 163 e successivi del Codice penale.

Affinché possa essere applicato, sarà necessaria una sentenza di condanna da parte del giudice, con la quale viene confermata la responsabilità del reo e ne viene determinata la relativa pena. 

In presenza di tale condizione e se il giudice riesce a decretare che il condannato non commetterà nuovamente lo stesso delitto, la pena – sia quella principale sia quelle accessorie – potrebbe essere sospesa per un determinato periodo di tempo

Leggi anche: “Quanto dura la pena sospesa“.

Effetti


La conseguenza principale della sospensione condizionale della pena è la seguente: se il reo non commette nuovi reati nel periodo di pausa e rispetta gli obblighi imposti dal giudice, si verificherà l’estinzione sia della pena principale, sia di quelle accessorie. 

Di contro, se il reo dovesse commettere lo stesso o altri delitti e non dovesse rispettare gli adempimenti del giudice, ci sarà la revoca della sospensione, con la relativa applicazione della pena. 

Nella pratica, la finalità principale di questo istituto giuridico consiste nella rieducazione del reo: si cerca, dunque, di favorire un reinserimento positivo nella società e di premiarlo in caso di buona condotta. 

Leggi anche: “Sospensione della pena con messa alla prova“.

Quando è possibile


Abbiamo detto che affinché si possa procedere con la sospensione condizionale della pena, deve esserci una sentenza di condanna:

  1. alla reclusione o all’arresto, per un tempo inferiore ai 2 anni;
  2. oppure, al pagamento di una pena pecuniaria

In presenza di queste condizioni, il giudice potrà disporre la sospensione condizionale della pena per un periodo massimo:


La sospensione potrà essere concessa anche nel caso in cui si subisca una condanna non superiore ai 2 anni congiunta a una pena pecuniaria, nel caso in cui la pena comporti nel totale una privazione della libertà personale che non superi i 2 anni. 

Leggi anche: “Che differenza c’è tra delitto e contravvenzione“.

Cosa cambia per i minorenni e per gli over 70


Nella tabella che segue sono state raccolte le disposizioni in vigore nel caso in cui il reato venga commesso da un soggetto minorenne, da uno di età compresa tra i 18 e i 21 anni o da una persona che abbia più di 70 anni

Età del reoCasi in cui è prevista la sospensione condizionale della pena
Minore di 18 anniLa pena detentiva non è superiore ai 3 anni
La pena pecuniaria, da sola o unita a una pena detentiva, non superi nel complesso i 3 anni
18 – 21La pena detentiva non è superiore ai 2 anni e 6 mesi
La pena pecuniaria, da sola o unita a una pena detentiva, non superi nel complesso i 2 anni e 6 mesi
Over 70La pena detentiva non è superiore ai 2 anni e 6 mesi
La pena pecuniaria, da sola o unita a una pena detentiva, non superi nel complesso i 2 anni e 6 mesi

Quando la pena è sospesa per un anno


Ai sensi dell’articolo 163 c.p., è anche possibile che la pena venga sospesa per un solo anno

Ciò si verifica quando:


Quando non è possibile


Ci sono alcuni casi contemplati dalla legge nei quali la sospensione condizionale della pena non potrà essere concessa

Ciò si verifica:

  1. qualora si sia già stati condannati a pena detentiva per un delitto;
  2. nell’ipotesi in cui il reo sia un delinquente o contravventore abituale o professionale:
  3. se il condannato viene considerato una persona socialmente pericolosa: in questo caso, potrebbe essere aggiunta anche una misura di sicurezza personale.

Obblighi del condannato


Il condannato al quale viene concesso il beneficio della sospensione sarà tenuto a corrispondere la somma liquidata a titolo di risarcimento del danno provocato

In aggiunta, ai sensi dell’articolo 165 c.p., potrebbe dover svolgere attività non retribuita a sostegno della collettività per un tempo che non supererà la durata della pena sospesa. 

Revoca


La sospensione condizionale della pena viene revocata nei casi seguenti:


A proposito della sospensione condizionale della pena, leggi come funziona la richiesta di patteggiamento e quando è possibile. 

Sospensione condizionale della pena – Domande frequenti


Quando si ha la sospensione della pena?

La sospensione condizionale della pena potrà essere concessa soltanto in presenza di determinate condizioni: scopri quali sono

Quante volte si può ottenere la sospensione condizionale della pena?

La sospensione condizionale della pena potrà essere richiesta una sola volta, sebbene possa anche essere accordata più volte nel caso in cui la pena non superi i limiti fissati dall’articolo 163 c.p. 


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!