08 mag 2021
Diritto Penale

Carichi pendenti: cosa sono e quanto durano

Cosa sono i carichi pendenti e a cosa ci si riferisce con il termine casellario giudiziale, cosa contiene il certificato dei carichi pendenti, come può essere richiesto e da chi.

Il termine carichi pendenti viene utilizzato nel momento in cui si deve indicare lo status di un soggetto che si ritrova con dei procedimenti penali pendenti a suo carico

Il certificato dei carichi pendenti viene rilasciato dalla Procura della Repubblica e, al suo interno, sono riportati proprio i procedimenti penali pendenti

Di seguito sarà analizzato nel dettaglio il contenuto del certificato dei carichi pendenti e qual è la differenza rispetto al casellario giudiziale


Certificato dei carichi pendenti


Si tratta, come abbiamo anticipato, del documento ufficiale attraverso il quale sarà possibile conoscere i procedimenti penali in corso a carico di una determinata persona, oltre che gli eventuali giudizi di impugnazione. 

Nell’ipotesi in cui si volessero conoscere quali siano le pendenza in carico a un dato soggetto presso diversi uffici giudiziari, si dovrebbe presentare richiesta alle diverse Procure della Repubblica coinvolte

Non sono invece presenti altre iscrizioni, quali le sentenze di condanna per le quali è stato concesso il beneficio della non menzione, le condanne per le contravvenzioni punibili con l’ammenda, i provvedimenti del giudice di pace

carichi pendenti

La richiesta del certificato


Il certificato dei carichi pendenti può essere richiesto:


La richiesta, che prevede la presentazione di un documento di identità, va inoltrata tramite il modulo disponibile presso le varie procure della Repubblica e che si può trovare anche online, sul sito del Ministero della Giustizia. Non si dovrà fornire il motivo della richiesta, ma sarà necessario precisare l’uso al quale il certificato è destinato. 

Procedimenti di assunzione


Una domanda che può essere molto interessante porsi è, a questo punto, quella relativa all’assunzione di qualcuno: il datore di lavoro ha il diritto di richiedere il certificato dei carichi pendenti, oltre al certificato penale?

La sentenza n. 19012 de 2018 della Corte di Cassazione ha stabilito che tale pretesa è illegittima qualora il CCNL richieda soltanto il certificato penale come documento per valutare l’attitudine professionale del lavoratore

A questo proposito, si ricorda che “la richiesta del certificato penale integra un limite rispetto alla previsione di cui all’art. 8 dello Statuto dei Lavoratori (è fatto divieto al datore di lavoro, ai fini dell’assunzione, come nel corso dello svolgimento del rapporto di lavoro, di effettuare indagini, anche a mezzo di terzi […] su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore’) che si giustifica con la rilevanza ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore della conoscenza di date informazioni relative all’esistenza di condanne penali passate in giudicato

Tale limite, in assenza di espressa previsione contrattuale, non può essere dilatato per via interpretativa fino a ricomprendere informazioni relative a procedimenti penali in corso (oggetto del certificato previsto dall’art. 27 del T.U. sopra citato), ciò specie in considerazione del principio costituzionale della presunzione d’innocenza”.

carichi pendenti

Cos’è il casellario giudiziale


Il casellario giudiziale è un ufficio presente presso qualsiasi Tribunale, il quale ha il compito di conservare e aggiornare le schede sulle quali sono riportati i provvedimenti penali (e in alcuni casi civili) che riguardano le persona nate in uno dei Comuni di competenza del Tribunale presso il quale si richiede il certificato dei carichi pendenti. 

Il Tribunale di Roma è la sede del casellario giudiziale dei cittadini nati all’estero, degli stranieri e degli apolidi, ovvero di coloro i quali non hanno la cittadinanza. 

Il casellario giudiziale contiene le seguenti annotazioni:


In merito alla durata delle iscrizioni, queste ultime vengono eliminate dal casellario:


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!