16 mar 2021
Diritto del Lavoro

Congedo di maternità: cos’è e quanto dura

In cosa consiste il congedo di maternità, quanto dura, come funziona la presentazione della domanda e quando si può richiedere il congedo di paternità.

Il congedo di maternità è un periodo di astensione obbligatoria dal lavoro che viene riconosciuto alle donne lavoratrici dipendenti durante il periodo della gravidanza e del puerperio

Qualora la madre non possa beneficiare del congedo obbligatorio, l’astensione dal lavoro spetterebbe al padre: in questo caso si parla di congedo di paternità

Il congedo di maternità obbligatoria è regolato dal Testo Unico sulla maternità e paternità (decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151).

La legge n. 81 del 22 maggio del 2017 ha stabilito che il congedo di maternità non sia più obbligatorio per le lavoratrici iscritte alla Gestione separata

In queste righe analizzeremo quali sono le caratteristiche del congedo di maternità, quanto dura e cosa sapere in merito alla retribuzione e alla sua flessibilità


A chi spetta


Il congedo di maternità si rivolge:


congedo di maternita

Quanto dura


Il congedo di maternità ha una durata di 5 mesi. Come regola generale, il congedo di maternità inizia 2 mesi prima la data ipotetica del parto, ma nei casi in cui la gravidanza sia a rischio è anche possibile che il periodo di astensione parta prima.

Dopo il parto, in genere il congedo si estende:


La durata del congedo di maternità rimane invariata anche nel caso di parto gemellare. I merito alle adozioni e agli affidamenti, il congedo di maternità ha una durata di 5 mesi che decorrono dall’ingresso del bambino in famiglia

Nel caso di adozioni e affidamenti preadottivi internazionali, il congedo può avvenire anche poco prima dell’ingresso in Italia del minore. Quando l’affidamento non è preadottivo, il congedo ha durata pari a 3 mesi e non spetta agli iscritti alla Gestione Separata INPS. 

Flessibilità


La legge di Bilancio 2019 ha inserito la possibilità di poter fruire del congedo di maternità in modo differente rispetto alla norma, ovvero le madri hanno la possibilità di astenersi dal lavoro nei 5 mesi successivi al parto.

Questa decisione dovrà essere approvata dal medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale e dal medico che si occupa della prevenzione e tutela nei luoghi di lavoro, per i quali la scelta di tale opzione non dovrà essere pericolosa né per la gestante né per il nascituro

Nell’ipotesi in cui, dopo il parto, il neonato sia ricoverato in ospedale, la madre può decidere di sospendere momentaneamente il congedo riprendendo la propria attività lavorativa (posto che le sue condizioni di salute lo rendano possibile), e riattivarlo nel momento in cui il bambino sarà dimesso. 

La lavoratrice ha il diritto di godere dell’intero periodo del congedo di maternità anche nel caso in cui avvenga un’interruzione di gravidanza o si verifichi il decesso del bambino alla nascita o durante il congedo. 

Congedo di paternità


Il congedo di paternità viene riconosciuto nei casi in cui:

  1. si verifichi la morte o uno stato di grave infermità della madre;
  2. ci sia l’abbandono del figlio da parte della madre;
  3. il figlio venga affidato in modo esclusivo al padre. 

Leggi anche: “Cos’è l’affidamento esclusivo”. 

Nell’ipotesi di adozione o affidamento, invece, il congedo di paternità è fruibile nei casi in cui la madre rinunci al periodo di astensione dal lavoro che le spetta di diritto. La rinuncia avviene tramite la compilazione online della dichiarazione di responsabilità.

Per quanto riguarda la durata del congedo di paternità:


Anche in questo caso è possibile richiedere una sospensione momentanea qualora il bambino sia ricoverato in ospedale. 

Retribuzione


Il congedo di maternità o di paternità dà diritto a un’indennità pari all’80 della retribuzione media globale giornaliera, la quale viene calcolata sull’ultimo periodo di paga prima dell’inizio del congedo. 

Nel caso degli iscritti alla Gestione Separata, la retribuzione corrisponde all’80% di 1/365 del reddito. L’indennità viene anticipata dal datore di lavoro nel caso delle lavoratrici dipendenti. 

Viene invece erogata direttamente dall’INPS alle:


Il diritto a ricevere l’indennità si prescrive entro un anno, che decorre dalla fine del congedo.

congedo di maternita

Domanda


La domanda relativa al congedo di maternità va presentata nei 2 mesi che precedono la data presunta del parto e mai oltre un anno successivo alla fine del periodo indennizzabile. 

Si dovrà:


Di seguito sono stati raccolti i requisiti che devono essere posseduti dalle varie lavoratrici per poter ricevere l’indennità. 

LavoratriceRequisito per ricevere l’indennità relativa al congedo di maternità
DipendenteDeve avere un rapporto di lavoro
Colf e badantiSono richiesti 26 contributi settimanali nell’anno precedente l’inizio del congedo di maternità oppure 52 contributi settimanali nei due anni precedenti l’inizio del congedo
Lavoratrici agricole a tempo determinatoSi richiede, nell’anno di inizio del congedo, il possesso della qualità di bracciante comprovata dall’iscrizione negli elenchi nominativi annuali per almeno 51 giornate di lavoro agricolo
Disoccupata o sospesaIl congedo deve iniziare entro 60 giorni dall’ultimo giorno di lavoro. Può iniziare dopo solo se si ha diritto alla disoccupazione, alla mobilità o alla cassa integrazione
Disoccupate che negli ultimi due anni hanno svolto lavori esclusi dal contributo per la disoccupazioneSi riceve un’indennità solo se il congedo è iniziato entro 180 giorni dall’ultimo giorno di lavoro e sono stati versati all’INPS 26 contributi settimanali nei due anni precedenti l’inizio del congedo
Iscritte alla Gestione Separata INPS, non pensionateSe nei 12 mesi precedenti il mese di inizio del congedo di maternità risulta effettivamente accreditato o dovuto alla Gestione Separata almeno un contributo mensile comprensivo della predetta aliquota maggiorata 

Presentazione domanda


La domanda per accedere al congedi di maternità (o paternità) potrà essere presentata:


La domanda dovrà essere inviata in forma cartacea nel caso di lavoratrici e lavoratori assicurati ex IPSEMA, dipendenti, che abbiano rinunciato al pagamento delle indennità con il conguaglio CA2G. Si dovrà allegare il certificato medico di gravidanza e eventuali altre certificazioni mediche richieste. 

Congedo di maternità – Domande frequenti


Quale è il periodo di congedo obbligatorio per maternità?

Il congedo di maternità obbligatoria ha una durata di 5 mesi che possono essere goduti in modi differenti: scopri come funziona.

Quanto tempo si può stare a casa dopo il parto?

Il congedo di maternità è caratterizzato da una certa flessibilità: ecco come ne possono beneficiare le aventi diritto.

Quanto spetta al padre per la nascita del figlio?

La durata del congedo di paternità dipende in modo diretto da quella del congedo di maternità: clicca per scoprire quanto spetta al padre in caso di nascita o adozione di un figlio.



Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!