08 set 2020
Diritto Penale

Istanza di oblazione: cos’è e come funziona

In cosa consiste l'oblazione del Codice Penale e come presentare la relativa istanza.

Significato di oblazione





Il termine oblazione nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato, la quale si verifica attraverso il pagamento di una somma di denaro, applicabile unicamente nel caso delle contravvenzioni





L’oblazione è regolata dagli articoli 162 e 162-bis del Codice Penale, e dall’articolo 141 delle disposizione di attuazione del Codice di Procedura Penale. In pratica, si tratta di un rito alternativo giudizio penale, che può essere inteso con una sorta di depenalizzazione negoziata





Di seguito saranno presentati i casi in cui è possibile ricorrere all’oblazione, quali sono state le leggi più importanti introdotte negli anni in materia, oltre che gli interventi della giurisprudenza. 







L’oblazione nel Codice Penale





L’oblazione ordinaria è disciplinata dall’articolo 162 del Codice Penale, nel quale si legge che:





Nelle contravvenzioni, per le quali la legge stabilisce la sola pena dell’ammenda, il contravventore è ammesso a pagare, prima dell’apertura del dibattimento [c.p.p. 492], ovvero prima del decreto di condanna [c.p.p. 459, 565], una somma corrispondente alla terza parte del massimo della pena stabilita dalla legge per la contravvenzione commessa, oltre le spese del procedimento“. 





L’oblazione ha dunque come presupposto il fatto che si deve essere di fronte a una contravvenzione penale, punita con la sola ammenda: in tutti gli altri casi non sarà possibile ottenere la depenalizzazione negoziata. 





Tra gli esempi più comuni nei quali si ricorre all’oblazione, troviamo quello del condono edilizio, con riferimento alle Leggi 47/85 e 724/94, le quali hanno previsto alcune riduzioni degli importi da liquidare per oblazione e oneri concessori, per i soggetti richiedenti il condono edilizio. 





oblazione




I termini del pagamento





Il pagamento permette dunque di estinguere il reato commesso, ma l’istanza di oblazione ordinaria dovrà essere presentata:









Il secondo punto si riferisce al comma II dell’articolo 141 disp. att.c.p.p., il quale stabilisce che “Il Pubblico Ministero, anche prima di presentare richiesta di decreto penale, può avvisare l’interessato, ove ne ricorrano i presupposti, che ha facoltà di chiedere di essere ammesso all’oblazione e che il pagamento dell’oblazione estingue il reato“.





Quindi, nel caso in cui l’oblazione venisse accolta, il Pubblico Ministero dovrebbe comunicare al soggetto che ha presentato l’istanza a quanto ammonta la quota da versare per l’estinzione del reato: ai sensi della Legge 479/1999, si hanno a disposizione 10 giorni di tempo per pagare.





Nel caso di rispetto del termine previsto, il Giudice potrà pronunciare la sentenza di estinzione del reato





Cos’è l’oblazione discrezionale





L’oblazione discrezionale, o facoltativa, è stata introdotta con la Legge 689/1981: è disciplinata dall’articolo 162 bis c.p. intitolato “Oblazione nelle contravvenzioni punite con pene alternative”.





Tale articolo stabilisce che: 





Nelle contravvenzioni per le quali la legge stabilisce la pena alternativa dell’arresto o dell’ammenda, il contravventore può essere ammesso a pagare, prima dell’apertura del dibattimento, ovvero prima del decreto di condanna, una somma corrispondente alla metà del massimo della ammenda stabilita dalla legge per la contravvenzione commessa, oltre le spese del procedimento.





Con la domanda di oblazione il contravventore deve depositare la somma corrispondente alla metà del massimo della ammenda.





L’oblazione non è ammessa quando ricorrono i casi previsti dal terzo capoverso dell’articolo 99, dall’articolo 104 o dall’articolo 105, né quando permangono conseguenze dannose o pericolose del reato eliminabili da parte del contravventore.





In ogni altro caso il giudice può respingere con ordinanza la domanda di oblazione, avuto riguardo alla gravità del fatto.





La domanda può essere riproposta sino all’inizio della discussione finale del dibattimento di primo grado.





Il pagamento delle somme indicate nella prima parte del presente articolo estingue il reato.





[In caso di modifica dell’originaria imputazione, qualora per questa non fosse possibile l’oblazione, l’imputato è rimesso in termini per chiedere la medesima, sempre che sia consentita]“.





oblazione




Il ruolo del giudice





La differenza principale tra l’oblazione ordinaria e quella discrezionale, oltre che l’ammontare dell’importo da pagare, consiste nel fatto che nel primo caso il giudice effettua semplicemente un controllo formale, mentre nel secondo caso compie una vera e propria valutazione discrezionale





La procedura di oblazione fa sì che la fedina penale del soggetto che ha commesso una contravvenzione resti pulita: dato che il reato è stato estinto, non ne rimarrà alcuna traccia nel casellario giudiziale





Come funziona la richiesta





La domanda di oblazione può essere presentata dall’indagato/imputato:









La domanda può essere presentata nel corso delle indagini preliminari e deve essere indirizzata al PM, il quale avrà il compito di trasmetterla al GIP, assieme agli atti del procedimento e al suo parere. 





Il GIP che riceve la richiesta potrà:









Il reato sarà considerato estinto nel momento in cui sarà effettuato il versamento, ovviamente nel rispetto dei termini previsti. L’indagato ha il diritto di essere avvisato dal giudice in merito alla possibilità di presentare l’istanza di oblazione: in assenza di tale comunicazione, l’avviso dovrà essere presente nel decreto penale di condanna che sarà emesso dal GIP. 





La giurisprudenza





Riportiamo di seguito alcune delle sentenze più interessanti pronunciate dalla Corte di Cassazione nel corso degli ultimi anni. 





Cass. Pen., sez. I, sentenza n. 47032/2007





La valutazione del giudice, in caso di oblazione facoltativa, è discrezionale, sulla base degli indici di cui all’art. 133 c.p., fondamentalmente cristallizzati nel disposto di cui al co. 4 dell’art. 162 bis c.p. richiamante la gravità del fatto.





Cass. n. 32333/2019





Ove l’imputato sia ammesso all’oblazione e versi la somma dovuta, il giudice – essendosi in una fase successiva all’esercizio dell’azione penale – pronuncia sentenza di proscioglimento per estinzione del reato.





Cass. n. 35619/2019





Nel caso in cui sia contestato un reato per il quale non è consentita l’oblazione ordinaria di cui all’art. 162 cod. pen., né quella speciale prevista dall’art. 162-bis cod. pen., l’imputato, qualora ritenga che il fatto possa essere diversamente qualificato in un reato che ammetta l’oblazione, ha l’onere di sollecitare il giudice alla riqualificazione del fatto e, contestualmente, a formulare istanza di oblazione, con la conseguenza che, in mancanza di tale espressa richiesta, il diritto a fruire del beneficio resta precluso ove il giudice provveda di ufficio ex art. 521 cod. proc. pen.





Cass. n. 35706/2019





L’istanza di oblazione non può essere subordinata o condizionata all’emissione di provvedimenti accessori, quale quello di restituzione dei beni, ma unicamente alla verifica delle condizioni per una pronuncia più favorevole ex art. 129 cod. proc. pen., sicché una diversa condizione deve ritenersi contra legem e perciò estranea alla domanda e, dunque, non apposta, secondo il principio quod abundat non vitiat.