01 nov 2020
Pensioni

Come funziona la pensione di reversibilità

Cosa si intende con pensione di reversibilità e la differenza con quella indiretta, a chi spetta, come si calcola e quando si perde.

Cosa succede nel caso in cui dovesse morire la persona che percepisce la pensione in un nucleo familiare? Quali sono i casi in cui ai familiari spetta la reversibilità





La legge italiana prevede il diritto alla pensione di reversibilità nel caso di morte del pensionato, oppure in presenza di un’assicurazione anche se il soggetto defunto non era ancora titolare di pensione: in questo caso si parla di pensione indiretta





In questa guida sarà illustrato il funzionamento della pensione di reversibilità, a chi spetta, come si calcola e quali sono le condizioni che devono essere rispettate se non si vuole perdere il contributo. 







A chi spetta: la coniuge e l’ex





La pensione di reversibilità spetta ai familiari superstiti di un soggetto che era titolare di una pensione di vecchiaia, inabilità o anzianità, o che aveva raggiunto i requisiti contributivi per ricevere la pensione al momento in cui si è verificato il decesso. 





La pensione spetta:









In caso di divorzio spetta solo nei casi in cui:









pensione di reversibilità




Figli e genitori





La pensione di reversibilità si rivolge anche:









In assenza di coniuge, figli e genitori, il diritto all’assegno pensionistico passa a fratelli celibi e sorelle nubili che siano inabili al lavoro, a carico del defunto al momento della sua scomparsa, che non siano titolari di pensione. 





Come si calcola





La pensione di reversibilità non sempre corrisponde alla pensione totale che veniva percepita dal defunto, ma viene erogata secondo percentuali variabili. Ecco cosa cambia in relazione al beneficiario. 





Coniuge









CondizionePercentuale
Nel caso in cui non ci siano figli60%
In presenza di 1 figlio80%
Qualora ci siano 2 o più figli100%




Figli









CondizionePercentuale
Figlio unico70%
2 figli80%
2 o più figli100%




Genitori





CondizionePercentuale
Ci sia un solo genitore15%
Ci siano 2 genitori30%




Fratelli e sorelle





CondizionePercentuale
Ci sia un solo 1 fratello/sorella15%
Ci siano 2 fratelli/sorelle30%
Ci siano 3 fratelli/sorelle45%
Ci siano 4 fratelli/sorelle60%
Ci siano 5 fratelli/sorelle75%
Ci siano 6 fratelli/sorelle90%
Ci siano 7 o più fratelli/sorelle100%








Importi





La pensione di reversibilità:









Se i redditi del superstite sono almeno 3 volte superiori al trattamento minimo, ovvero a 20.107,62 euro annui, l’importo subisce una riduzione, pari al:





  1. 25%, per redditi compresi tra 20.107,63 e 26.810,16 euro;
  2. 40%, per redditi compresi tra 26.810,17 e 33.512,70 euro;
  3. 50%, per redditi superiori a 33.512,70 euro.




pensione di reversibilità




Come fare domanda





La pensione viene erogata dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è morto il defunto: se si invia la domanda in ritardo, si riceveranno pertanto gli arretrati. 





La domanda va presentata:









Quando si perde la pensione di reversibilità





La pensione di reversibilità può essere persa:









Pensione di reversibilità – Domande frequenti





Quanto è la percentuale della pensione di reversibilità?

La percentuale della pensione di reversibilità varia in relazione al soggetto che la riceve: scopri in che modo.

Quanto spetta alla vedova della pensione del marito?

L’importo che spetta alla vedova non è sempre lo stesso: scopri in che misura cambia.

Quanti anni di matrimonio per avere la pensione di reversibilità?

Gli anni di matrimonio non costituiscono un requisito per ricevere la pensione di reversibilità, ma cambia qualcosa nei casi di separazione e divorzio: scopri come funzion in questi casi.