redazione dequo
05 dic 2019
Circolazione Stradale

Prescrizione bollo auto: come funziona e calcolo decorrenza

Come pagare un bollo auto scaduto? Quali sono i tempi prima che l'imposta cada in prescrizione? A quali multe si va incontro e come fare ricorso? Vediamolo.

Il bollo auto è l’imposta che si è tenuti a pagare ogni anno per il possesso di un veicolo: come qualsiasi altra imposta, anche il bollo auto è soggetto a prescrizione. Ogni singola Regione – fatta eccezione per la Sardegna e per il Friuli Venezia Giulia in cui è compito dell’Agenzia delle Entrate:









In altre parole, una volta trascorso il periodo di prescrizione del bollo auto ogni automobilista che non ha versato eventuali importi o che ha perso le ricevute relative ai bolli pagati è libero in modo definitivo rispetto a qualsiasi richiesta di pagamento.





Ecco cosa è bene sapere se si vuole conoscere il funzionamento della prescrizione bollo auto, cosa ha stabilito la Cassazione nel caso in cui si volesse fare ricorso contro richieste illegittime o effettuare il calcolo della prescrizione bolo auto.







Bollo auto non pagato: tempi di prescrizione





Sono in molti gli automobilisti ai quali è capitato di ricevere da parte della Regione la richiesta di un’annualità del bollo auto già pagata: in questi casi, sarà sufficiente fornire la ricevuta di pagamento e il problema si risolverà all’istante. Cosa succede, invece, nel caso di un bollo non pagato, oppure qualora fosse stata smarrita la ricevuta di pagamento?





È possibile poter contestare la richiesta ricevuta dalla Regione nel caso il cui il bollo sia fuori termine, ovvero quando sia stato superato il termine di prescrizione del bollo auto che non è stato pagato. La prescrizione del bollo auto non pagato è di 3 anni, che però vengono calcolati con un meccanismo ben preciso, che sarà illustrato nel prossimo paragrafo.





Nella pratica, in caso di bollo auto non pagato entro la scadenza prevista, che corrisponde all’ultimo giorno del mese successivo a quello in cui si è pagato il bollo l’anno precedente:









bollo auto scaduto




Calcolo prescrizione bollo auto





I bolli auto non pagati vanno in prescrizione: superato il tempo stabilito dalla legge l’Agenzia delle Entrate o la Regione non avrà più la possibilità di pretendere il pagamento dei bolli arretrati. I tre anni di prescrizione del bollo auto non corrispondono a tre anni di calendario, ma vengono calcolati attraverso una procedura ben precisa.





I 3 anni:





  1. decorrono a partire dal 1 gennaio dell’anno successivo a quello del bollo auto non pagato;
  2. terminano il 31 dicembre del 3° anno;
  3. ciò significa che a partire dal 1° gennaio del 4° anno qualsiasi richiesta di pagamento di un bollo auto arretrato sarà illegittima, poiché caduta in prescrizione.




Facciamo un esempio pratico:









Esistono però delle eccezioni, legate al ricevimento di un avviso di accertamento o di una cartella esattoriale. Se, infatti, nell’arco dei tre anni si riceve un avviso di accertamento o una cartella esattoriale, il calcolo dei tre anni si interrompe e ricomincia dal giorno successivo a quello in cui è stata ricevuta la lettera o la cartella. Il calcolo dei tre anni ricomincia, in pratica, da zero. È comunque possibile contestare la ricezione di un avviso bonario o di una cartella esattoriale fuori tempo massimo.





Ricorso prescrizione bollo auto





Nel momento in cui si ha la certezza che il bollo auto non pagato sia caduto in prescrizione e si riceve o un avviso bonario o una cartella esattoriale con la quale si viene inviatati a pagare il bollo arretrato:









L’alternativa alla contestazione presso la Commissione Tributaria Provinciale è rappresentata dal ricorso al Giudice, attraverso quello che prendere il nome di ricorso in autotutela, che deve essere indirizzato alla Regione.





Se non si riuscisse a rispettare il termine di 60 giorni per impugnare la cartella al giudice:





  1. bisognerà aspettare la mossa successiva da parte dell’Agenzia delle Entrate o della Regione;
  2. nell’ipotesi in cui si dovesse ricevere la notifica per un preavviso di fermo auto o di pignoramento, si potrà impugnare tale notifica per avvenuta prescrizione del bollo auto non pagato.




La prescrizione di tre anni è applicata anche nel caso di notifica di una cartella esattoriale relativa al mancato pagamento del bollo auto: in base a quanto dichiarato dalla Cassazione, considerato che la Legge non specifica quali sono i termini di prescrizione delle cartelle di pagamento, vengono applicate le stesse regole delle imposte alle quali si riferiscono, quindi:









prescrizione bollo auto come funziona




Come si paga un bollo auto scaduto





È molto comune, in mezzo alle tante imposte da pagare, la pecca di dimenticare il bollo auto; nel caso in cui si fosse in dubbio e si ritenesse di non essere in regola con i pagamenti del bollo auto, è possibile verificare online la propria situazione fiscale, tramite;









Se ci si accorge in autonomia di non aver pagato il bollo auto (uno o più) è possibile procedere con il cosiddetto ravvedimento operoso: bisognerà ovviamente pagare sanzioni e interessi di mora. È possibile pagare un bollo scaduto:









Le sanzioni applicate sul pagamento del bollo auto sono pari:





  1. allo 0,1% se il pagamento avviene entro 14 giorni dalla data di scadenza;
  2. al 30% dell’importo iniziale, più una mora, nel caso di pagamento dopo un anno dalla scadenza.




Per quanti anni c’è l’obbligo di conservazione del bollo auto pagato?





Le ricevute del bollo auto già pagate sono importantissime in quanto serviranno a evitare di dover effettuare un secondo pagamento nel caso in cui al creditore non risultasse il ricevimento del primo: per questo motivo bisogna rispettare l’obbligo di conservazione dei pagamenti già effettuati.





Nel caso del bollo auto, considerato che la sua prescrizione è di 3 anni:









Prescrizione bollo auto: domande frequenti





Dopo quanto tempo scatta la prescrizione del bollo auto?

La prescrizione del bollo auto che non è stato pagato è di tre anni: il calcolo dei tre anni decorre dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui è stato pagato il bollo, e termina il 31° dicembre del 3° anno. Dal 4° anno in poi il bollo auto sarà caduto in prescrizione.

Cosa succede in caso di bollo non pagato?

Il bollo non pagato porta alla ricezione di un avviso bonario di pagamento, che dà all’automobilista 30 giorni di tempo per provvedere al pagamento della morosità, e alla successiva ricezione di una cartella esattoriale, che dovrà essere pagata entro 60 giorni di tempo. In caso contrario si rischia di incorrere nel fermo del proprio veicolo.

Quali sono gli atti che interrompono la prescrizione del bollo auto?

I tempi di prescrizione del bollo auto non pagato, che corrispondono a tre anni, si interrompono nel caso di ricezione dei seguenti atti: avviso di accertamento, sollecito di pagamento, notifica della cartella esattoriale, un’intimazione di pagamento, un preavviso di fermo dell’automobile, un atto di pignoramento, e ripartono da capo dal giorno successivo alla ricezione.