18 feb 2021
Informatica e internet

Romance Scam: come difendersi dalle truffe romantiche

Cosa sono le truffe romantiche, diffuse soprattutto sui social network, cosa rischiano i truffatori, come fare a riconoscerle per tempo e consigli utili per difendersi.




Il reato di “falsi sentimenti”


La truffa romantica (è questo il significato letterale di “romantic scam”) consiste nel fare credere a un’altra persona di provare dei sentimenti nei suoi confronti con il mero obiettivo di riuscire a spillarle del denaro.

Un caso eclatante di romance scam è stato trattato dal Tribunale di Catania, che nella sentenza n. 3562/2021 ha condannato gli imputati per i reati di truffa (art. 640 c.p.), tentata truffa aggravata e tentata estorsione aggravata ai danni di un uomo. 

La vittima, che di mestiere fa l’assistente amministrativo, è stato manipolato e truffato da una donna conosciuta su Facebook, la quale, con un falso profilo, aveva inventato tutta una serie di aneddoti nel periodo compreso tra l’inizio del 2018 e l’aprile del 2019 che avevano condotto l’uomo a versarle migliaia di euro

romance scam

La vicenda


La persona offesa conosce Angela – il nome inventato della truffatrice – su Facebook: lei gli racconta le sue tristi vicende. Vive in Germania, è sola, ha problemi di salute e con i suoi datori di lavoro. 

Nel corso dei mesi Angela fa credere al malcapitato di essersi innamorata di lui e di volere un futuro insieme. Riesce, a poco a poco, a farsi versare delle somme dall’uomo, che vanno dai 200 ai 500 euro, per sostenerla a risolvere le sue difficoltà.

Gli importi richiesti dalla donna diventano sempre maggiori: a un certo punto viene fuori anche un complice della truffatrice che, con la scusa di essere un amico di Angela, mette a disposizione della vittima una Postepay Gold, in modo tale che quest’ultimo possa inviarle cifre superiori ai 500 euro. 

La vicenda diventa ancora più contorta nel momento in cui interviene un finto avvocato (Avv. Catania), il quale convince l’uomo a pagare delle multe salatissime che Angela aveva preso in Germania. L’uomo, pur di sostenere la sua amata, paga multe del valore di 25.000, 36.000 e 46.000 euro, ottenendo il denaro necessario dalla vendita di alcuni beni ricevuti in eredità. 

L’esito 


A un certo punto, non avendo più risorse economiche e non volendo vendere la propria abitazione, l’uomo decide di rivolgersi a un legale. Inizia, però, a ricevere minacce telefoniche da parte dell’avvocato Catania, che lo portano a temere per la sua stessa vita. Nel giugno del 2019 non ci sono più notizie di Angela. 

I fatti citati non sono altro che l’esempio più tipico di romantic scam: la truffa romantica si basa sulla creazione di una falsa identità, nell’abbindolare la vittima per mesi con racconti tristi portandola a provare dei sentimenti e a metterla nella condizione di versare dei soldi. 

Angela – che è stata anche denunciata da un’altra donna per aver utilizzato le sue foto sul suo profilo Facebook – e l’avvocato Catania non esistono. Sono stati quindi condannati per il reato di truffa in concorso in quanto:

“ciascuno con un ruolo preciso e predeterminato ma finalizzato al raggiungimento dello scopo finale (arricchimento ai danni della vittima) posto in essere spregiudicatamente e per oltre un anno e mezzo con artifizi di varia natura come la creazione di un falsa identità digitale, l’inoltro di messaggi di testo e vocali tesi e l’invio di fotografie artatamente create per far sì, da una parte che la vittima si innamorasse della finta donna virtuale e, dall’altra, che la stessa si muovesse a pietà per la situazione dell’amata tale da essere indotto con finte promesse e piagnistei a sborsare ingenti somme di denaro

Artifizi che hanno ingenerato nella vittima una falsa rappresentazione della realtà sì da fargli credere che la donna avrebbe lasciato la Germania grazie al suo denaro e si sarebbe stabilita presso di lui per convivere come una coppia di innamorati e procurandosi così un ingiusto profitto pari a circa 440.000 euro con pari danno per la vittima“.

La condanna


Come decretato dalla stessa Corte di Cassazione nella sentenza n. 25165/2019, questa particolare tipologia di truffa è grave non tanto perché gioca sui sentimenti della vittima, ma in particolar modo perché è in grado di manipolarne la psiche, facendo passare il falso per vero

Per questo motivo, gli imputati sono stati condannati anche per il reato di truffa aggravata, in quanto attraverso artifizi e raggiri che hanno fatto nascere nella vittima il timore di essere arrestato o sottoposto a procedimento penale nel caso di mancato pagamento, lo hanno convinto a saldare multe esorbitanti.

Il fantomatico avvocato Catania è stato inoltre condannato per tentata estorsione aggravata per aver minacciato la vittima sia telefonicamente sia telematicamente. 

romance scam

Il proliferare del romance scam sui social network


I social network sono diventati, nel corso degli ultimi anni, il terreno più fertile per poter mettere in piedi una truffa romantica. Nella pratica rappresentano infatti lo strumento:

  1. che permette di reperire informazioni sulla vittima, che ha condiviso ingenuamente informazioni personali senza preoccuparsi di renderle private;
  2. utilizzato per avvicinarsi alla vittima, per esempio con la scusa di condividere gli stessi interessi e passioni. 

I social permettono, dunque, al truffatore di turno di tracciare una sorta di profilo psicologico della vittima individuata: è una persona sola? Quali sono le sue abitudini? Dai social network si può sapere veramente di tutto sugli altri e i soggetti in malafede che si approfittano anche solo del senso di solitudine e della benevolenza altrui sono sempre dietro l’angolo (o lo schermo, in questo caso). 

Gli stratagemmi dei truffatori “romantici”


Il passo successivo consiste nella creazione di un profilo fake, che in genere si basa sul furto d’identità: vengono infatti utilizzate le foto di altre persone trovate online (realizzando così il delitto di sostituzione di persona, art. 494 c.p.) e si dà inizio ai giochi. L’obiettivo è quello di guadagnarsi la fiducia della vittima, anche se potrebbero volerci dei mesi. 

I casi di romance scam hanno messo in evidenza il fortissimo potere persuasivo dei truffatori che le praticano e che, alla fine, riescono a ricevere dei soldi dalla vittima, anche se quest’ultima non ha mai incontrato di persona chi si trova all’altro lato dello schermo

Le vittime si sentono addirittura in colpa se non sono in grado di aiutare l’altro, arrivando persino a indebitarsi pur di fornire supporto economico a una persona che ha fatto credere loro di essere innamorata.

La pandemia ha portato a un aumento preoccupante delle truffe sentimentali: i truffatori hanno spesso finto di essere dei medici impegnati nella lotta al coronavirus e hanno approfittato di un clima generale di malessere e di maggiore vulnerabilità, soprattutto da parte delle persone che vivono da sole. 

Come difendersi dalle truffe sentimentali


In genere, il senso di vergogna che le vittime di romantic scam provano per essere cadute in un tranello simile creano una situazione nella quale risulta loro difficile denunciare i fatti accaduti

Difendersi dalla truffe sentimentali è complicato nella misura in cui il coinvolgimento emotivo della vittima la porta generalmente a non dubitare delle intenzioni della persona che si trova dall’altra parte. 

In linea generale, il buonsenso dovrebbe condurre ad avere qualche perplessità nei confronti di un interlocutore conosciuto online, che non è si è mai incontrato dal vivo, soprattutto nei casi in cui si ricevono richieste di natura economica. 

Quello che si dovrebbe fare nel momento in cui si inizia a nutrire il sospetto di essere finito in una truffa sentimentale consiste nell’interrompere il prima possibile i rapporti con il truffatore e nel rivolgersi alla polizia postale, che si occuperà di indagare sulla sua vera identità. 

A questo proposito sarà molto utile mostrare le conversazioni intercorse nei mesi e gli estratti di eventuali pagamenti effettuati. 

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!