03 ott 2022
Separazione e Divorzi

Divorzio in Comune: quali sono tempi e costi e che documenti servono

È possibile richiedere il divorzio di Comune in presenza di figli minorenni? Quanto costa rispetto alla procedura classica di divorzio con un avvocato? Ecco come funziona e quando si può fare.

Il divorzio in Comune è una possibilità alla quale ricorrere come alternativa al tradizionale divorzio in Tribunale con annessa sentenza e alla negoziazione assistita, in presenza di un avvocato divorzista

Considerato l’aumento del numero di divorzi nel tempo – ricordiamo che il divorzio è legale in Italia dal 1º dicembre 1970 –  una procedura simile è stata rivoluzionaria, in quanto ha permesso al contempo di ridurne i costi e di velocizzarne i tempi

Vediamo allora di seguito come funziona e quali sono le casistiche in cui è possibile ricorrere al divorzio in Comune senza avvocato.


Atto di divorzio in Comune: cos’è


Come suggerisce il nome stesso, il divorzio in Comune è una procedura che si svolge davanti al Sindaco del Comune di competenza, e non in Tribunale come da prassi. 

Il divorzio in Comune permette di ridurre in primo luogo le spese necessarie per affrontare un divorzio, che prevede in genere il pagamento delle spese legale di un avvocato. 

Tuttavia, è bene chiarire fin da subito che il divorzio in Comune non è sempre possibile: ci devono infatti essere determinate condizioni. Vediamo di seguito quali sono. 

divorzio di comune procedura

Come richiedere il divorzio in Comune


Il divorzio in Comune potrà essere richiesto: 


In aggiunta, un altro requisito fondamentale consiste nell’assenza di un patto di trasferimento patrimoniale tra i due coniugi, come per esempio la divisione di un immobiliare acquistato insieme, dopo essersi sposati. 

Leggi anche Che diritti si perdono con il divorzio

Che documenti servono per il divorzio in Comune?


I coniugi che sceglieranno di comune accordo di divorziare in Comune, dovranno recarsi presso l’Ufficio di Stato Civile del luogo in cui è stato celebrato il matrimonio, oppure presso il Comune di residenza di entrambi. 

Dovranno presentare i seguenti documenti:


Divorzio in Comune: costo e tempi


La procedura di divorzio in Comune prevede un costo di soli 16 euro, che corrispondono ai diritti che si versano all’Ufficio di Stato Civile. 

Il divorzio senza avvocato permette infatti di risparmiare sulla parcella dell’avvocato divorzista, la quale potrebbe avere un costo compreso tra i 1.000 e i 3.000 euro

Sulla base di quanto previsto dalla legge sul divorzio breve, il divorzio in Comune potrà avvenire:


Leggi anche Che differenza c’è tra separazione e divorzio

divorzio di comune tempi e costi

Come avviene il divorzio in Comune


Solitamente, il divorzio in Comune prevede due incontri. Nel primo, l’Ufficiale di Stato Civile compila l’accordo che è stato raggiunto tra i due coniugi. Questo momento, potrebbe anche essere preceduto da un incontro iniziale in cui si verifica il possesso dei documenti e delle condizioni richieste, prima tra tutte l’avvenuta separazione tra i due

Ricordiamo infatti che in Italia il divorzio non potrà avvenire se non c’è stata prima la separazione tra i coniugi. A questo proposito, ecco cosa succede nel caso in cui si dovesse fare un passo indietro durante la separazione.

Il secondo incontro avviene a distanza di almeno 30 giorni dal primo: i coniugi confermano la loro intenzione di divorziare. Nel caso in cui uno dei due ci dovesse ripensare e non dovesse presentarsi all’incontro, l’accordo raggiunto perde di validità e decade

Leggi anche Mantenimento figli dopo il divorzio

Una parte fondamentale del divorzio in Comune è rappresentata dall’accordo che deve essere raggiunto tra i due coniugi, il quale potrà per esempio prevedere il versamento di una sorta di assegno di mantenimento nei confronti del soggetto economicamente più debole, inteso come assegno divorzile. L’ufficiale di Stato Civile non potrà intromettersi sulla somma che è stata liberamente pattuita tra i coniugi. 

Gli accordi sottoscritti nel corso di una separazione o di un divorzio in Comune, potranno essere comunque modificati nel corso del tempo recandosi nuovamente in Comune e presentando ancora una volta i documenti richiesti. 

Leggi anche TFR in caso di separazione e di divorzio

Divorzio in Comune – Domande frequenti


Quanto costa un divorzio in comune?

Il divorzio in Comune prevede unicamente il pagamento di un’imposta da bollo pari a 16 euro. 

Chi può divorziare in comune?

Per divorziare in Comune, non si dovranno avere figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, né accordi di tipo patrimoniali. Si dovrà anche avere il documento relativo alla separazione già avvenuta. 

Come funziona il divorzio veloce?

Il divorzio veloce o breve potrà avvenire in Comune senza avvocato, oppure con una procedura di negoziazione assistita tramite il supporto di un avvocato. 


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!