24 ago 2022
Successione ed Eredità

Usufrutto: significato, esempio, durata

Cos'è il diritto di usufrutto, quali sono le modalità in cui può essere attribuito, quanto dura e come si calcola.

L’usufrutto è un diritto reale di godimento, che trova disciplina giuridica all’articolo 978 c.c. e successivi

Cosa vuol dire avere usufrutto? Nella pratica, un dato soggetto, che prende il nome di usufruttuario, ha il diritto di poter utilizzare e godere del bene di qualcun altro

Quindi chi ha l’usufrutto è proprietario? No, ma il suo titolare effettivo diventa nudo proprietario. Questo termine indica che, pur continuando a conservare la proprietà del bene, in presenza di usufrutto perde le prerogative di utilizzo e di godimento del bene. 

Queste ultime sono invece attribuite all’usufruttuario, che avrà comunque l’obbligo di non cambiarne la destinazione economica


Come funziona l’usufrutto


L’usufrutto, per esempio quello della casa dei propri genitori, si può costituire:


Oggetto dell’usufrutto può essere sia un bene mobile, sia un bene immobile: dovrà comunque sempre trattarsi di beni infungibili e inconsumabili. In caso contrario, si potrebbe solo parlare di quasi usufrutto.

Nel caso di usufrutto di un’abitazione, ci potrà essere:

  1. usufrutto legale, quando i genitori esercitano la patria potestà sui beni immobili che appartengono a un figlio non ancora maggiorenne;
  2. usufrutto volontario, ovvero quello istituito da un contratto;
  3. acquisito per usucapione

usufrutto

Quanto può durare il diritto di usufrutto?


La durata dell’usufrutto è regolata dall’articolo 979 c.c., in base al quale non può essere superiore alla vita dell’usufruttuario. Nel caso di usufrutto costituito a favore di una persona giuridica, non si potranno superare i 30 anni di tempo. 

L’usufrutto ha, dunque, una durata limitata, anche nel caso di usufrutto congiuntivo, ovvero qualora tale diritto sia attribuito a più soggetti. In caso di decesso, si potrebbe attribuire la quota del soggetto deceduto agli altri – e non si ricadrebbe nella nuda proprietà. 

In alternativa, sarebbe possibile, a titolo oneroso, l’usufrutto successivo, a condizione che venga costituito tra vivi. In questa ipotesi, il diritto sarà inizialmente di un soggetto, alla cui morte sarà trasferito a un altro soggetto, e così via. 

Cessione usufrutto a titolo gratuito


Ai sensi dell’articolo 380 del codice civile, l’usufrutto può essere ceduto dall’usufruttuario, a meno che ciò non sia vietato a titolo costitutivo:


La cessione sarà notificata al proprietario. Prima della notifica, l’usufruttuario sarà comunque solidalmente obbligato verso il proprietario. 

usufrutto

Estinzione usufrutto


L’usufrutto può estinguersi non solo per scadenza della durata, ma, sulla base di quanto previsto all’articolo 1014 cc, anche per:


Altri casi in cui si potrebbe verificare l’estinzione dell’usufrutto sono una sentenza che invalidi il titolo costitutivo, una rinuncia da parte del titolare del diritto, la revoca, la rescissione, l’annullamento, la nullità. 

Qualora l’usufruttuario lasciasse perire il bene che ha ricevuto, ci potrebbe essere l’intervento da parte dell’autorità giudiziaria. Quest’ultima potrebbe predisporre che il bene venga posto sotto l’amministrazione di qualcuno, o dato in possesso al suo proprietario. 

Tabella calcolo valore usufrutto


Nella tabella che segue viene utilizzata per il calcolo del rapporto del valore tra usufrutto e nuda proprietà, che prende in considerazione l’età di chi gode del diritto di usufrutto vitalizio e un coefficiente. 

Età beneficiarioCoefficientiValore percentuale usufruttoValore percentuale nuda proprietà
0-20 38955
21-30 369010
31-40348515
41-45 328020
46-50307525
51-53 287030
54-56 266535
57-60246040
61-63 225545
64-66 205050
67-69 184555
70-72 164060
73-75 143565
76-78 123070
79-82 102575
83-86 82080
87-92 61585
93-9941090

Usufrutto – Domande frequenti


Quando muore l’usufruttuario chi paga i debiti?

Considerato che quando muore l’usufruttuario, termina anche l’usufrutto, alla sua morte eventuali debiti saranno pagati dal proprietario del bene. 

Cosa significa donazione con usufrutto?

La donazione con usufrutto è un contratto che trasferisce al donatario la nuda proprietà sull’immobile, a titolo gratuito.

Chi possiede la nuda proprietà paga l’IMU?

No, il pagamento dell’IMU spetta al soggetto che utilizza e gode del bene, ovvero l’usufruttuario. 


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!