03 giu 2021
Locazione

Agevolazioni prima casa: le novità del decreto Sostegni bis


Il bonus prima casa giovani under 36 rientra tra le agevolazioni che sono state inserite nel testo definitivo del decreto Sostegni bis, approvato dal Consiglio dei Ministri il 20 maggio 2021

Quali sono i requisiti per poterne fare richiesta, qual è la sua durata e quando si verifica l’eventuale decadenza? Nelle prossime righe verrà data risposta alle domande riguardanti le agevolazioni sulla prima casa in vigore nel 2021. 


Agevolazioni prima casa nel decreto Sostegni bis


Il bonus sull’acquisto della prima casa riservato ai giovani che hanno meno di 36 anni potrà essere richiesto dal 24 giugno 2021 fino al 30 giugno 2022

Tale agevolazione è contenuta nell’articolo 63 del decreto Sostegni bis, che ha come oggetto le “Misure in favore dell’acquisto della casa di abitazione”: per la sua erogazione sono stati stanziati ben 40 miliardi di euro

Quali sono i benefici che sarà possibile ottenere? Nello specifico al momento sono certe le esenzioni del pagamento:


Non è stato ancora confermato il dimezzamento degli oneri notarili

agevolazioni prima casa

A chi spettano


Le agevolazioni sulla prima casa si rivolgono ai giovani che non hanno ancora compiuto 36 anni. L’esenzione dalle imposte previste per legge si applica su:


Il bonus è destinato ai giovani che hanno un ISEE inferiore ai 40.000 euro, ai quali sarà garantita la garanzia dello Stato pari all’80%. Il Fondo di garanzia per la prima casa, che prima prevedeva una garanzia fino al 50%, permetterà infatti ai beneficiari delle agevolazioni previste dal nuovo decreto di ricevere una garanzia fino all’80% per l’accensione di un mutuo

Domanda


Le domande potranno essere presentate a partire dal 24 giugno 2021 fino al 30 giugno 2022. Il Fondo di garanzia è stato dotato di ben:


Le esenzioni non saranno valide per le seguenti categorie catastali:


agevolazioni prima casa

Credito di imposta sull’IVA


In merito agli acquisti nei quali è prevista l’IVA è stato fissato un credito di imposta che avrà importo pari a quello dell’imposta sul valore aggiunto dell’immobile da acquistare. 

Il credito di imposta, che non darà in nessun modo luogo a rimborsi, si potrà:


Esenzioni mutui prima casa


Un’altra misura che fa parte delle agevolazioni sulla prima casa per gli under 36 con ISEE inferiore ai 40.000 euro riguarda i mutui sulla prima casa: in questa caso è prevista l’esenzione dell’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo, ipotecarie, catastali e delle tasse sulle concessioni governative, che è pari allo 0,25%.