03 gen 2022
Locazione

Bonus facciate proroga 2022: come funziona, a chi spetta e cosa comprende

Come funziona il bonus facciate e la lista completa di tutti i lavori ammessi contenuti nella guida dell'Agenzia delle Entrate.



Bonus facciate 2022: a chi spetta


Il bonus facciate potrà essere richiesto:


Lo potranno richiedere sia i soggetti residenti sia i non residenti, a patto che paghino le spese per lo svolgimento dei lavori agevolati. Spetterà non solo alle persone fisiche, ma anche agli enti pubblici e privati che non hanno attività commerciali, alle società semplici, ai contribuenti con reddito d’impresa, alle associazioni tra professionisti. 

Ne potranno usufruire non solo i proprietari degli immobili oggetto dei lavori di ristrutturazione delle facciate, ma anche gli inquilini che vivono in affitto, o i soggetti comodatari, che abbiano ottenuto il consenso del locatore..

Leggi anche: “Quali bonus sono stati prorogati al 2022?

bonus facciate 2022

Bonus facciate 2022: ultime notizie legge di Bilancio


Il bonus facciate è stato prorogato fino al 2022, ma con un’importante novità. L’estensione è ufficiale fino al 31 dicembre 2022, ma con un’importante novità: la detrazione non sarà più del 90%, ma dal 1° gennaio 2022 sarà pari al 60%.

L’agevolazione potrà essere applicata alle spese documentate per interventi che mirano al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici esistenti situati in zone A o B, anche solo di pulitura e tinteggiatura esterna.

Emerge, dunque, che nel 2022 il bonus facciate 60% sarà meno conveniente rispetto al superbonus 110% o all’ecobonus ordinario, pari all’85% per i condomini.

Leggi anche: “Chi può usufruire dell’ecobonus 2022?”

Bonus facciate 2022: documenti necessari


Un altro cambiamento importante è relativo agli obblighi che sono stati introdotti dal decreto legge n. 157/2021 in merito alla cessione del credito e alla sconto diretto in fattura.

Nella pratica, si dovranno presentare:


Tali documenti non saranno invece obbligatori nel caso di lavori in edilizia libera e per quelli di modesta entità, fino a un importo massimo di 10.000 euro.

Lista documenti per il visto di conformità


Nella tabella che segue sono stati raccolti i documenti da verificare prima dell’apposizione del visto, in relazione alle novità introdotte dal DL 157/2021 (Decreto anti-frodi).

Informazioni sull’immobileTipologia di documenti
Dati sull’immobileVisura catastale, domanda di accatastamento o, in assenza di quest’ultima, ricevute di pagamento dei tributi locali
Copia stralcio del PRG dal quale si evince che l’immobile oggetto di intervento ricade in zona A o B o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali
Documentazione idonea a consentire di verificare la visibilità delle facciate dalla strada o da suolo ad uso pubblico oppure dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445 del 2000)che attesti la sussistenza del requisito della visibilità, anche parziale, dell’involucro esterno dell’edificio interessato dai lavori
Documentazione sulla proprietà o disponibilità dell’immobileAtto di acquisto o certificato catastale
Contratto di locazione registrato
Contratto di comodato registrato
Certificato dello stato di famiglia o autocertificazione (familiare convivente)
Successione e in caso di cessione delle rate residue autocertificazione attestante la disponibilità e detenzione materiale e diretta dell’immobile rilasciata dall’erede.
Sentenza di separazione per il coniuge assegnatario dell’immobile di proprietà dell’altro coniuge
Preliminare di acquisto registrato con immissione in possesso
Consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario (per tutti i detentori diversi da familiari conviventi)
Copia atto di cessione dell’immobile con previsione di mantenimento del diritto alla detrazione in capo al cedente (in caso di cessione delle rate residue)
Parti comuni in condominioCopia della delibera assembleare di approvazione dell’intervento e tabella millesimale di ripartizione delle spese
Condominio minimo
Delibera assembleare dei condòmini di approvazione dell’esecuzione dell’intervento e modalità di ripartizione spese
Autocertificazione sulla natura dei lavori eseguiti e dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del condominio
Altre dichiarazioni del beneficiarioDichiarazione sostitutiva attestante la presenza o meno di altri contributi riferiti agli stessi lavori o che le spese agevolate sono state calcolate al netto di tali eventuali altri contributi
Documentazione o dichiarazione sostitutiva sul possesso di reddito imponibile in Italia
Abilitazioni, attestazioni e comunicazioni richiesteComunicazione Inizio Lavori (CIL o CILA) con ricevuta di deposito
Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) con ricevuta di deposito
Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa dal contribuente in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi posti in essere rientrano tra quelli agevolabili e che i medesimi non necessitano di alcun titolo abilitativo ai sensi della normativa edilizia vigente
Documenti di spesa e pagamentiFatture
Bonifici parlanti
Oneri di urbanizzazione
Imposta di bollo

Documenti su opzioni prima della fine dei lavori


Nel caso di opzioni da richiedere prima della fine dei lavori, si dovranno ottenere i seguenti documenti:


Nel caso di interventi influenti dal punto di vista termico si dovranno presentare la relazione tecnica ex art. 8, comma 1, D.Lgs. 192/2005 e le srchede tecniche dei materiali e dei componenti edilizi impiegati e, se prevista, marcatura CE con relative dichiarazioni di prestazione (DoP)

Documenti per opzioni a fine lavori


Nel caso di opzioni alla fine dei lavori, i documenti necessari saranno invece:


bonus facciate 2022

Come funziona il bonus Facciate 2022?


Tra i requisiti più importanti da rispettare per poter avere accesso alla detrazione fiscale del 60% ci sono:


I lavori ammessi per poter usufruire del bonus facciate, per il quale non sono previsti limiti per l’importo da detrarre, sono stati esplicitati in una guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate. La detrazione fiscale sarà valida per le spese sostenute nel corso dell’anno in cui vengono realizzati i lavori di ristrutturazione e dovrà essere suddivisa in 10 quote annuali di pari importo.  

Il bonus facciate potrà essere utilizzato per i lavori di recupero e di restauro delle facciate:


Non potrà essere utilizzato, invece, nel caso di interventi praticati durante la costruzione dell’immobile o che siano realizzati tramite demolizione e ricostruzione. 

Bonus facciate 2022: requisiti


Gli edifici dovranno trovarsi in zona A o B, oppure nelle zone ad esse assimilate, sulla base della normativa regionale o dei regolamenti edilizi del proprio Comune. Di seguito il dettaglio sulle zone A e B.

Zona AZona B
Include le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessiInclude le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalle zone A. Si considerano parzialmente edificate le zone in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale sia superiore a 1,5 mc/mq

Bonus facciate 2022: lavori ammessi


Tra i lavori per i quali si potrà usufruire del bonus facciate ci sono:


Non sono invece ammessi i lavori sulle facciate interne dell’edificio, che non siano visibili dalla strada o dal suolo ad uso pubblico. Se sono visibili, si potrà intervenire sulle superfici confinanti con chiostrine, cortili, cavedi, spazi interni, cornicioni. 

La detrazione sarà applicabile anche alle spese correlate agli interventi agevolabili, quali per esempio l’IVA, l’imposta di bollo, i diritti per la richiesta di titoli abitativi edilizi, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, l’installazione di ponteggi, l’acquisto di materiali. 

Leggi anche: “Cosa rientra il bonus ristrutturazione 2022

Come si utilizza il bonus facciate


Il bonus consiste in una detrazione fiscale del 60%, che si potrà ricevere indicando in fase di dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’immobile sul quale sono stati eseguiti i lavori, oltre che gli altri dati richiesti per i controlli necessari ai fini fiscali. 

Nella comunicazione da inviare a ENEA si dovranno indicare:

  1. i dati identificativi dell’edificio e della persona che ha pagato i lavori;
  2. quali interventi sono stati realizzati;
  3. il risparmio energetico annuo ottenuto;
  4. il costo totale e l’importo utilizzato per calcolare la detrazione. 

Bonus facciate – Domande frequenti


Quali sono i bonus 2022?

Le legge di Bilancio 2022 ha rinnovato tutta una serie di bonus già esistenti, per alcuni dei quali ci sono state delle modifiche: scopri di quali si tratta.

Fin quando dura il bonus Facciate?

Il bonus facciate è disponibile per una platea di beneficiari molto ampia ed è stato prorogato fino al 2022: scopri quali sono le novità introdotte nel 2022.

Come usufruire del bonus mobili 2022?

Il bonus mobili ed elettrodomestici è stato rinnovato anche per il 2022: scopri quali sono le condizioni previste per richiederlo.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!