19 giu 2020
Diritto del Lavoro

Qual è la differenza fra disoccupato, inoccupato e inattivo

Il tasso di disoccupazione non corrisponde al numero di inattivi in Italia né agli inoccupati: ecco quali sono le differenze esistenti fra i tre termini.

Disoccupato,
inoccupato, inattivo





Conoscere la differenza che intercorre fra le parole disoccupato, inoccupato e inattivo è molto importante non solo da un punto di vista meramente linguistico, ma specialmente per comprendere se si può avere diritto all’indennità di disoccupazione o a qualche agevolazione in vigore per lo stato di inoccupazione.





In particolare, le parole che generano di solito la maggiore confusione sono disoccupato e inoccupato perché entrambe si riferiscono a una condizione nella quale non si è attivi nel mondo del lavoro: da qui nascono anche delle perplessità relative al concetto di inattivo.





In queste righe cercheremo di fugare ogni dubbio sull’argomento e spigheremo nel dettaglio il vero significato di disoccupato, inoccupato e inattivo.







Il
significato di disoccupato





Sul base di quanto contenuto nel Decreto legislativo n. 297 del 2002, il disoccupato è una persona che ha perso il proprio posto di lavoro, ovvero qualcuno che ha lavorato per un determinato periodo di tempo, a prescindere dalla durata e dalla forma contrattuale.





disoccupazione




Tale
condizione viene riconosciuta ai soggetti che:









La disoccupazione viene definita dalla legge come “la condizione del soggetto privo di lavoro che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attività lavorativa secondo modalità definite con i Servizi competenti.





Cosa
vuole dire inoccupato





Lo stato di inoccupazione riguarda invece:









Sulla base di quanto appena letto la differenza fra un soggetto disoccupato e uno inoccupato appare abbastanza evidente.





La
differenza fra disoccupazione e inoccupazione





I soggetti disoccupati sono coloro i quali non hanno più un lavoro perché lo hanno perso o hanno scelto di abbandonarla volontariamente. L’inoccupazione invece è la condizione che precede la ricerca della prima occupazione.





In entrambi i casi, si tratta di persone che non sono attive sul mercato del lavoro, ma le motivazioni alla base sono differenti. Nel caso degli inattivi si tratta generalmente di giovani che hanno appena terminato:









Dopo avere chiarito la differenza basilare esistente fra i due concetti, è possibile valutare anche a chi spettano i vari bonus statali: per esempio, la NASpI, ovvero l’indennità di disoccupazione, non potrà essere erogata nei confronti di un soggetto inoccupato.





Un soggetto che è alla ricerca della sua prima occupazione può passare dallo stato di inoccupato a quello di disoccupato soltanto se si ritrova nella condizione in cui perde il lavoro subito dopo averlo trovato: in questo caso l’accesso all’indennità di disoccupazione non è immediato in quanto si deve essere in possesso di determinati requisiti per poterne fare richiesta.





I requisiti per accedere alla NASpI





La NASpI può essere ottenuta se si è in possesso dei requisiti che seguono:





  1. lo stato di disoccupazione deve essere involontario, a meno che non siano state date dimissioni per giusta causa;
  2. devono essere state versate almeno 13 settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
  3. devono essere state lavorate almeno 30 giornate negli ultimi 12 mesi.




L’inoccupato, non avendo mai lavorato neanche per un singolo giorno, non potrà in alcun modo essere in possesso delle condizioni necessarie per ricevere l’indennità di disoccupazione.





L’inoccupato può ottenere lo stato di disoccupazione?





Nonostante l’inoccupato sia una persona che non ha mai lavorato, è possibile che possa vedersi riconosciuto lo stato di disoccupazione. Nello specifico, per poter fare apposita domanda, dovrà svolgere tutta una serie di passaggi obbligatori.





Il primo consiste nella presentazione della DID, ovvero la dichiarazione di immediata disponibilità, che può essere presentata sia presso un centro per l’impiego, sia online, tramite il nuovo portale Anpal.





Il secondo passaggio è rappresentato dal recarsi presso un Centro per l’impiego e firmare il patto di servizio: si tratta di un progetto attraverso il quale vengono fissate delle attività personalizzate che hanno l’obiettivo di sostenere il soggetto inoccupato nella ricerca di un impiego.





inoccupazione




In questo modo l’inoccupato potrà ottenere lo stato di disoccupazione che gli servirà come sostegno per trovare lavoro: è molto importante sottolineare che lo stato di disoccupazione non ha alcun legame con la ricezione della NASpI.





Com’è cambiata l’inoccupazione con il Jobs Act





Il Decreto legislativo n. 150 del 2015, noto come Jobs Act, ha contribuito a livellare alcune disparità esistenti tra lo stato di disoccupazione e quello di occupazione.





In particolare, la nuova norma ha fatto sì che le norme nazionali o regionali ed i regolamenti comunali che condizionano prestazioni di carattere sociale allo stato di disoccupazione si intendono riferite alla condizione di non occupazione”.





Una delle conseguenze più importanti è stato il riconoscimento del diritto all’esenzione del ticket sanitario non solo per i disoccupati, ma per la prima volta anche per gli inoccupati e per tutti i soggetti che si ritrovano in una condizione di inoccupazione.





Chi sono gli inattivi





Dopo aver esaminato nel dettaglio la differenza esistente fra i soggetti disoccupati e inoccupati, resta da svelare il significato di un terzo termine, ovvero “inattivo”, un’altra categoria che non fa parte della forza lavoro.





Gli inattivi sono tutte quelle persone che:









Scendendo maggiormente nel dettaglio, risultano inattivi i soggetti che:





  1. non hanno cercato lavoro nelle quattro settimana precedenti a quella presa come riferimento;
  2. non sono intenzionati a cercare lavoro nelle due settimane successive a quella presa come riferimento.




Lo stato di inattività caratterizza molto spesso i giovani che sono disoccupati o inoccupati da diverso tempo e hanno smesso di cercare lavoro o perché non hanno più voglia di impegnarsi attivamente nella ricerca, o perché si sono rassegnati dato che non riescono a trovare niente.





Disoccupato,
inoccupato, inattivo – Domande frequenti





Quando una persona risulta disoccupata?

Per definizione, una persona disoccupata è quella che ha perso il lavoro in modo involontario a causa di un licenziamento.

Qual è la differenza tra disoccupato e inoccupato?

Gli inoccupati si differenziano dai disoccupati per il fatto che non hanno mai lavorato prima e sono alla ricerca di una prima occupazione.

Cosa vuol dire essere inoccupato?

Lo stato di inoccupato è quello che contraddistingue qualcuno che non hai mai lavorato, come per esempio un giovane che ha appena terminato il suo percorso di studi universitari.