19 nov 2021
Diritto del Lavoro

Sindrome da burnout: quando si ha diritto all’invalidità?

Tutte le informazioni da conoscere sulla sindrome da burnout a proposito di invalidità, malattia professionale, legge 104 e pensione anticipata.



Cos’è la sindrome da burnout


Il termine inglese burnout significa letteralmente bruciato: si tratta di una sindrome alla quale vanno solitamente incontro le persone il cui lavoro consiste nell’aiutare gli altri, come per esempio:


Tuttavia, colpisce con una certa frequenza anche insegnanti, carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco, avvocati, consulenti fiscali, e può interessare, in realtà, qualsiasi figura professionale. Il lavoratore inizia a bruciarsi a causa dell’eccessiva pressione sul lavoro. Il confine che separa la vita privata dal lavoro diventa sempre più labile e inizia un vero e proprio processo di logoramento psicofisico

burnout e malattia professionale

Il burnout è una malattia? 


L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha decretato che lo stress derivante dal lavoro o dalla disoccupazione sia una sindrome per la quale si può cercare una cura, ma non la si possa considerare una malattia

Tale sindrome è caratterizzata da 3 elementi:

  1. sensazione di mancanza di energie;
  2. senso di negatività associato al lavoro o incremento della distanza mentale dalla propria attività;
  3. ridotta capacità professionale. 

La diagnosi del burnout parte dell’esclusione di disturbi che possono avere sintomi simili, come per esempio l’ansia, il disturbo dell’adattamento, la depressione. Si tratta di una condizione che si manifesta unicamente nel contesto lavorativo e non la si può estendere ad altri ambiti della propria esistenza. 

Le fasi del burnout


Lo sviluppo della sindrome da burnout è contrassegnato da 4 fasi, che sono state raccolte nella tabella che segue. 

FaseCosa succede
Prima faseEntusiasmo nel praticare una professione nella quale si possono aiutare gli altri
Seconda faseDiminuisce l’entusiasmo e il senso di appagamento: il carico di lavoro è eccessivo e le aspettative vengono disattese
Terza faseFrustrazione, sentimenti di inadeguatezza, sfruttamento, inutilità. Può sfociare in atteggiamenti aggressivi e nella voglia di non voler frequentare il proprio posto di lavoro
Quarta e ultima faseTotale apatia verso il proprio lavoro

Conseguenze della sindrome da burnout


Il burnout può innanzitutto comportare degli effetti dal punto di vista psicologico. Si può andare incontro alla mancanza di empatia nei confronti delle persone delle quali ci si occupa, all’esaurimento emotivo e persino alla perdita della personalità

Dal punto di vista fisico, si potranno avere disturbi quali:


Nei casi di maggiore gravità, ci potrà essere un abuso di alcol e droghe, e potrà anche aumentare il rischio di suicidio.

Diritto all’invalidità


Intanto, è bene precisare che si potrà parlare di malattia professionale dovuta allo stress quando quest’ultimo provochi delle patologie fisiche e psichiche nella persona che lo subisce. 

Per esempio, nel caso in cui si arrivi alla depressione (o Mdd, disturbo depressivo maggiore), oppure all’esaurimento nervoso, potrebbero esserci le seguenti percentuali di invalidità:


Si verrà riconosciuti invalidi civili solo se la percentuale superi il 33% e si abbia un’età compresa tra i 18 e i 65 anni. In presenza di altri disturbi generati dal burnout, quali per esempio la colite ulcerosa, o problemi al fegato e al cuore, la percentuale di invalidità sarà valutata caso per caso, fino all’eventuale diritto a ricevere una prestazione assistenziale. 

burnout e malattia professionale

Assegni e pensione di invalidità


Per le percentuali di invalidità superiori al 74% e 5 anni di contributi versati (dei quali almeno 3 relativi agli ultimi 15 anni di lavoro) si potrà ricevere l’assegno di invalidità ordinario

In assenza di tali requisiti, ma con un reddito annuo che non superi i 4.906,72 euro, si potrà ricevere l’assegno di invalidità civile, che ammonta a 285,66 euro al mese

La pensione di invalidità civile potrà essere richiesta da chi ha un’invalidità pari al 100% e rispetti le seguenti condizioni:


Burnout e malattia professionale


Chi è affetto dalla sindrome da burnout, avrà anche il diritto di assentarsi dal posto di lavoro, richiedendo la malattia professionale? La risposta dipende dalla patologia che emerge a causa del burnout. 

Sarà dunque il medico a certificare le condizioni di salute del lavoratore e a stabilire:

  1. se necessita di un periodo di riposo;
  2. per quanti giorni dovrà restare a casa in totale. 

Qualora il medico dovesse stabilire che la propria assenza dal lavoro sia giustificata, si dovrà seguire l’iter relativo alla procedura della malattia, quindi:


Sindrome da burnout e Legge 104


Nei casi di maggiore gravità, potrebbe anche essere riconosciuto un handicap derivante dalla sindrome da burnout. In questa evenienza, il lavoratore avrebbe diritto:


Il lavoratore riconosciuto invalido al 100%, che non riesca più a camminare o svolgere atti quotidiani senza l’assistenza di un’altra persona, avrò diritto all’assegno di accompagnamento, pari a 517,84 euro per 12 mensilità.

Pensione anticipata


Nel caso di invalidità derivante da sindrome da burnout superiore al 64%, il lavoratore riceverà 2 mesi di contributi figurativi in più ogni anno, per un totale di 5 anni, ma avrà diritto anche:


Se viene superato l’80%, si avrà diritto alla pensione di vecchiaia anticipata (non valida, in questa ipotesi, per i dipendenti pubblici), ma si dovranno avere:


Burnout – Domande frequenti 


Chi certifica il burnout?

Lo stato di temporanea incapacità al lavoro generato dal burnout deve essere certificato dal medico curante, con l’invio di un’apposita certificazione telematica all’Inps.

Come farsi diagnosticare burnout?

La diagnosi del burnout dovrà essere stabilita da un professionista competente in materia, ovvero da un medico del lavoro, uno psichiatra o uno psicologo.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!