redazione dequo
03 mar 2020
Condominio

Stalking condominiale: cos’è, cosa fare e la Giurisprudenza

Cos’è il reato di stalking condominiale, come si denuncia uno stalker e quali sono le sanzioni previste nei suoi confronti.

I casi di vicini che si lamentano per comportamenti di altri vicini che sono talmente molesti da provocare uno stato di malessere, ansia e pura per sé e per i propri familiari non sono così inconsueti: in questo caso si parla di stalking condominiale ed è un reato.





Come ci si comporta nel momento in cui ci si ritrova in una situazione come quella appena descritta? In questa guida troverai tutte le informazioni sul reato di stalking condominiale, su cosa fare e su come denunciare al fine di ottenere l’allontanamento dello stalker.







Stalking
condominiale: cos’è





Il reato di stalking è disciplinato dall’articolo n. 612-bis del Codice penale: lo stalking condominiale è una particolare tipologia di stalking che si realizza quando si ricevono atteggiamenti particolarmente molesti o persecutori da parte di un vicino di casa, al punto tale da:









Questa condizione ha di solito come conseguenza principale quella di portare a cambiare le proprie abitudini di vita. Il condominio costituisce, da sempre, terreno fertile per la nascita di dissidi e conflitti, anche immotivati, fra i condomini che, a seconda dell’individuo che si ha di fronte, potrebbero sfociare anche in condotte rilevanti dal punto di vista penale.





Stalking condominiale: la Giurisprudenza





Il reato di stalking condominiale è stato ufficialmente introdotto, attraverso l’estensione dell’ambito di applicabilità dell’articolo 612-bis del Codice penale, con la sentenza numero 20895 del 25 maggio del 2011, della Corte di Cassazione.





In quell’occasione, un condomino affetto da una sindrome maniacale, aveva messo in atto una serie di comportamenti molesti contro alcune donne del suo palazzo, accomunate dal semplice fatto di essere, per l’appunto, delle donne:









Tra gli esempi di stalking condominiale che hanno avuto un impatto significativo sul corso della Giurisprudenza, troviamo anche la sentenza numero 26878/2016, in occasione della quale è stato ribadito che il reato di stalking si verifica quando un soggetto ha, nei confronti dei propri condomini, un atteggiamento che provochi uno stato di ansia nella vittima, portandola a dover modificare il proprio stile di vita: nel caso specifico della sentenza, la vittima aveva iniziato ad assumere tranquillanti.





Lo stalking condominiale è a tutti gli effetti una forma di atto persecutorio, anche se non è di tipo affettivo perché non esiste un legame di questo tipo tra lo stalker e la sua (o le sue) vittima. Di conseguenza, mentre nel caso dell’ex coniuge o di un fidanzato molesto è abbastanza semplice richiedere il divieto di avvicinamento, cosa succede nel caso dello stalking condominiale? Quali sono le sanzioni previste? Si tratta di una situazione abbastanza intricata nella misura in cui cacciare lo stalker dalla casa in cui vive rappresenta una limitazione di una sua libertà fondamentale.





stalking condominiale cos'è




Stalking
condominiale: cosa fare





Lo stalking condominiale è un tipo di reato che viene definito in base alle ripercussioni che il comportamento dello stalker ha sulla vittima. Cosa si può fare in questi casi? Innanzitutto, si ha il diritto di procedere con la denuncia-querela penale: bisogna rivolgersi alla Polizia, ai Carabinieri o alla Procura della Repubblica.





La denuncia porta all’apertura di un procedimento di tipo penale che prevede delle indagini e un processo nei confronti dello stalker: non è necessario andare alla ricerca di prove o di testimoni, in quanto sono sufficienti le sole dichiarazioni della vittima. A confermarlo è stata proprio la sentenza n. 26878 del 2016, che abbiamo citato nelle righe precedenti.





Lo stalking condominiale deve essere provato dimostrando che:





  1. gli atti molesti ricevuti sono stati di tipo persecutorio;
  2. sono stati reiterati nel tempo;
  3. hanno provocato di danni di tipo psico-fisico;
  4. esiste un nesso causale fra il danno e l’atto persecutorio perpetrato dallo stalker.




Denuncia
per stalking condominiale





Per quanto riguarda i tempi della denuncia, la vittima può rivolgersi alle autorità entro 6 mesi da quando si è verificato l’ultimo atto persecutorio. Nel verbale di denuncia dovranno essere indicate espressamente:









Il compito delle Forze dell’Ordine sarà quello di verificare la veridicità delle dichiarazioni della vittima e dare il via al processo giudiziario.





Il reato di stalking condominiale prevede la reclusione da 6 mesi a 5 anni, periodo di tempo che può aumentare nel caso in cui:





  1. lo stalker sia legato sentimentalmente alla sua vittima;
  2. gli atti persecutori siano stati compiuti con l’utilizzo di strumenti informatici o con armi;
  3. lo stalking sia avvenuto nei confronti di donne in gravidanza, minori o persone con disabilità.




Stalking
condominiale: l’ammonimento





Esiste un’alternativa che precede o permette di evitare un processo di tipo penale per combattere lo stalker condominiale di turno: consiste nel chiedere l’intervento del Questore il quale avrà il compito di rivolgere allo stalker un ammonimento.





Si tratta, in altri termini, di un ultimatum nel quale lo stalker viene avvertito circa la possibilità di dover rispondere penalmente del reato di stalking aggravato, nel caso in cui non dovesse porre un freno alla propria condotta molesta.





reato di stalking condominiale




Stalking
condominiale: allontanamento della vittima





Nel caso di denuncia per stalking, il giudice può stabilire che lo stalker non deve avvicinarsi ai luoghi frequenti dalla sua vittima o dai suoi congiunti, quindi non solo al domicilio, ma anche al posto di lavoro oppure a un luogo dove la vittima è solita passare il suo tempo libero, come la palestra.





Nei casi più gravi, al fine di tutelare l’incolumità della vittima di stalking, può essere stabilito anche il divieto di dimora: all’imputato può dunque essere imposto di non dimorare in un determinato luogo, oppure di potervi accedere soltanto in seguito all’autorizzazione da parte del giudice.





Considerato che nel caso dello stalking condominiale non può essere applicata la misura del divieto di avvicinamento a 50 metri dai luoghi nei quali si trova la vittima, perché ciò rappresenterebbe il divieto dello stalker di potersi recare in casa propria, il divieto di dimora non può essere applicato. L’unica alternativa rimane dunque quella di:









Stalking
condominiale e rumori molesti





Il reato di stalking condominiale si può configurare anche in presenza dei cosiddetti rumori molesti: si tratterebbe di insulti, minacce e rumori eccessivi che si trasformerebbero in veri e propri atti persecutori nei confronti dei propri vicini.





In casi come questi, ovvero quando i vicini fanno di proposito un rumore eccessivo, deve sussistere l’elemento soggettivo, ovvero il dolo generico: il delitto esiste se i vicini si stanno comportando in un certo modo con la volontà di farlo.





Stalking condominiale
– Domande frequenti





Stalking condominiale: cos’è?

Lo stalking condominiale è un reato che si verifica nel momento in cui una persona ha dei comportamenti persecutori e insistenti nei confronti dei propri vicini di casa, che si manifestano con molestie o minacce talmente gravi da generare stati di ansia, panico e timore per la propria vita e per quella dei propri cari, o tali da portare alla modifica delle proprie abitudini quotidiane. Si tratta di un reato che rientra nel campo di applicazione degli atti persecutori, anche se si verifica in contesti diversi rispetto a quelli della sfera affettiva.

Come si reagisce allo stalking condominiale?

Ci si può difendere dallo stalking condominiale chiedendo al Questore di ammonire lo stalker, oppure rivolgendosi direttamente alle Forze dell’Ordine o alla Procura della Repubblica, al fine di avviare una procedura di tipo penale, per la quale è necessario denunciare lo stalker. In seguito alla denuncia, lo stalker non potrà essere obbligato a cambiare dimora, e continuerà ad avere il diritto di vivere nello stesso condominio della vittima, ma gli sarà imposto l’obbligo di allontanamento dai luoghi frequentati dalla vittima.

Quali sono le sanzioni previste contro lo stalking condominiale?

Il reato di stalking è punito con pene che vanno da un minimo di 6 mesi a un massimo di 5 anni di reclusione, che possono subire un aumento nel caso in cui lo stalker abbia un legame affettivo con la vittima, la vittima sia una donna incinta, un minore o un disabile, oppure se lo stalker ha agito utilizzando un’arma oppure strumenti informatici.