20 nov 2020
Circolazione Stradale

Sospensione patente: quando avviene e come fare ricorso

Come funziona la sospensione della patente, per quali infrazioni del Codice della Strada può avvenire, qual è la sua durata e quando si può ottenere una riduzione per motivi di lavoro.

Sono diversi i casi in cui a causa di una violazione del Codice della Strada si può verificare la sospensione della patente, che potrebbe essere applicata anche come sanzione accessoria nel corso di un processo penale.  





Potrà per esempio accadere per un abuso di alcol e per la guida in stato di ebbrezza, per l’infrazione del semaforo rosso, per eccesso di velocità o per recidiva. Come funziona, di preciso, la sospensione della patente senza ritiro immediato? Cosa succede in caso di notifica tardiva?





In questa guida parleremo di cosa fare in caso di sospensione della patente, quando e se è possibile una riduzione della sospensione, quanto dura e come fare ricorso nel caso in cui non la si ritenesse legittima. 







Come funziona la sospensione della patente





La sanzione della sospensione della patente consiste nel divieto di poter guidare: in caso di violazione commessa dall’automobilista e sorpresa da un agente, al ritiro della patente si accompagna di solito anche una multa.





Sul momento si riceve un permesso temporaneo per poter lasciare la propria auto presso un luogo di custodia fissato con l’agente: non avendo più la patente, il veicolo non potrà essere utilizzato. 





Entro 15 giorni da quando è stata emessa la multa, il prefetto emette l’ordinanza vera e propria di sospensione della patente, nella quale viene indicata anche la durata, la quale non scatta dal giorno del ritiro, ma da quello in cui inizia effettivamente la sospensione. 





Per quali infrazioni si rischia la sospensione





Le infrazioni del Codice della Strada per le quali si può verificare la sospensione della patente sono:









Durata sospensione





La durata della sospensione della patente viene indicata sulla notifica che si riceve entro 15 giorni dal momento in cui è stata commessa l’infrazione. La durata è variabile e viene decisa dal Prefetto sulla base dei seguenti 3 elementi:





  1. il rispetto dei limiti minimi e massimi stabiliti dal Codice della Strada; 
  2. la gravità dell’incidente provocato;
  3. l’eventualità di rappresentare un pericolo alla circolazione




La patente potrà essere ritirata in questura o presso la caserma dei Carabinieri al termine del periodo di sospensione. Il provvedimento di sospensione viene notificato anche alla Motorizzazione.





Può anche accadere che sia la stessa Motorizzazione a stabilire la sospensione della patente nel caso in cui, in fase di rinnovo, dovesse rendersi conto che l’automobilista non è più in possesso dei requisiti fisici e psichici richiesti alla guida. Se viene presentata la certificazione medica nella quale si attesta il recupero dei requisiti necessari, la sospensione non avrà più validità. 





Durata sospensione per eccesso di velocità





Uno dei casi più comuni nei quali si può verificare la sospensione della patente è quello in cui si supera il limite di velocità. Anche in questo caso, la durata della sospensione è differente a seconda della specifica infrazione commessa





Chi supera il limite di velocità fra i 40 e i 60 km/hChi supera il limite di velocità oltre i 60 km/h
La sospensione va da 1 a 3 mesiLa sospensione va da 6 a 12 mesi
Per i neopatentati, la sospensione va da 3 a 6 mesiIn caso di recidiva, è prevista la revoca della patente: sarà necessario sostenere nuovamente l’esame della patente
In caso di recidiva, la sospensione va dagli 8 ai 18 mesi




Durata sospensione per alcol o droga





La durata della sospensione della patente per eccesso di alcol varia:









La patente viene sospesa – da 6 mesi a 2 anni – anche quando il conducente si rifiuta di sottoporsi agli accertamenti necessari a verificare lo stato di ebbrezza o l’utilizzo di droghe. 





Notifica della sospensione





Quando si verifica il ritiro della patente:









Questi numeri sono molto importanti perché qualora si dovesse ricevere la notifica tardiva, quindi oltre i 15 giorni di tempo, la sospensione non sarebbe più valida e si avrebbe il diritto a riavere subito la patente. In questo caso, ci si potrà rivolgere al Giudice di Pace. 





La sospensione non è valida anche nelle seguenti ipotesi:









Cosa fare per ottenere una riduzione della sospensione





Il conducente al quale è stata ritirata la patente ha il diritto di richiedere un permesso per poterla utilizzare solo nel tragitto casa-lavoro. Il Prefetto può acconsentire a tale riduzione qualora:





  1. il conducente non abbia la possibilità di andare a lavoro con i mezzi pubblici;
  2. l’infrazione commessa non abbia provocato incidenti stradali




La riduzione della sospensione per motivi di lavoro deve essere richiesta entro 5 giorni di tempo dall’infrazione, inviando un’istanza al Prefetto. In caso di accoglimento dell’istanza, nella notifica di sospensione vengono indicate le fasce orarie nelle quali si potrà guidare.





La riduzione comporta comunque un allungamento della durata della sospensione pari a un numero di giorni doppio rispetto alle ore di riduzione ottenute. 





Come fare ricorso





Nell’ipotesi in cui si ritenesse di aver ricevuto una sospensione ingiusta, è possibile fare ricorso, rivolgendo al Giudice di Pace un’istanza di annullamento





Tra i motivi per i quali il ricorso è legittimo, si annoverano:









Il ricorso dovrà essere presentato entro 30 giorni di tempo dal giorno in cui si riceve la notifica. Qualora la sospensione fosse una sanzione accessoria derivante da un processo penale, si potrà impugnare la sentenza penale emessa in appello oppure in Cassazione





Qualora si trattasse invece di una misura cautelare amministrativa derivante dalla perdita dei requisiti psicofisici, si potrà presentare ricorso al Tar o al Ministero dei trasporti, entro 60 giorni dalla ricezione della notifica. 





Per verificare il momento in cui esatto in cui la patente non sarà più sospesa, è possibile utilizzare il servizio online Dov’è la mia patente: la patente sarà restituita presso la Caserma dei Carabinieri o il Comando di Polizia