06 mar 2021
Diritto del Lavoro

Differenza tra NASpI e DIS-COLL

Cosa cambia in termini di requisiti e compatibilità tra l'indennità NASpI e la DIS-COLL, quali sono le prestazioni che si possono cumulare e cos'è la disoccupazione per i rimpatriati.



Indennità NASpI


La NASpI è una prestazione che può essere richiesta soltanto dai lavoratori dipendenti che abbiamo perso il lavoro in modo involontario.

Presuppone anche il possesso dei seguenti requisiti:


Non è compatibile:


naspi discoll

Come fare domanda


Per poter richiedere la NASpI, la cui erogazione non è automatica, si dovrà:


Cumulabilità 


La NASpI non è cumulabile:


Sulla base di quanto indicato in elenco, si può dedurre che la NASpI e la DIS-COLL siano cumulabili

Come funziona la DIS-COLL


La DIS-COLL è un’indennità che viene erogata a soggetti differenti, ovvero a quelli che siano collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori a progetto, assegnisti, dottorandi di ricerca con borsa di studio

La prestazione spetta anche:


La DIS-COLL viene erogata:


naspi discoll

Importo


L’importo spettante ai beneficiari è pari alla metà dei mesi di contribuzione dell’anno precedente rispetto a quello in cui è terminato il rapporto di collaborazione, fino a un massimo di 6 mesi

Nello specifico, corrisponde:


Cos’è la disoccupazione per i rimpatriati


I cittadini italiani disoccupati a causa di un licenziamento o di un mancato rinnovo del contratto lavorativo in un paese Ue o extra Ue che abbiano deciso di rientrare in Italia possono presentare la domanda di disoccupazione per rimpatriati, a patto che non stiano ricevendo sussidi dal Paese in cui lavoravano. 

Questa indennità:

  1. decorre dalla data del licenziamento o da quella in cui si è concluso il rapporto di lavoro;
  2. potrà essere richiesta se si rientra in Italia entro 180 giorni di tempo dalla cessazione della propria attività lavorativa. 

I richiedenti avranno a propria disposizione 30 giorni per presentare la domanda. Nello specifico, dovranno:


Documenti


I lavoratori disoccupati rimpatriati, dovranno presentare:


Decorrenza


L’indennità sarà erogata:


L’importo sarà erogato fino a un massimo di 180 giorni e sarà pari al 30% della retribuzione convenzionale stabilita con un decreto del Ministero del Lavoro, che viene pubblicato ogni anno.

Incompatibilità


La disoccupazione per i rimpatriati non è comptabile con:


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!