06 nov 2020
Diritto Penale

Appropriazione indebita: cos’è e come ci si difende

Cosa si intende per appropriazione indebita, le pene previste dalla legge, le sentenze e come fare nel caso in cui si volesse querelare chi ha commesso il reato.



Cos’è l’appropriazione indebita


L’appropriazione indebita è un reato che viene commesso da chiunque si appropri del bene di un soggetto terzo che è in suo possesso, al fine di ricavarne un profitto. Viene punita dall’articolo 646 del Codice penale.

Il soggetto attivo del reato può essere qualsiasi soggetto che sia in possesso materiale di un bene. Il reato commesso è di tipo plurioffensivo in quanto lede:


L’appropriazione indebita può essere commessa da comproprietari, compossessori, coeredi e soci. 

reato di appropriazione indebita

La pena


Nell’articolo 646 del Codice penale si legge che: 

“Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da euro 1.000 a euro 3.000”.

La pena prevista è stata aumentata dal ddl anticorruzione del 2018: prima di allora era prevista la reclusione fino a 3 anni e la multa fino a un massimo di 1.032 euro. Nell’ipotesi in cui il reato venga commesso a titolo di deposito necessario, si verificherà un aumento della pena

La procedibilità 


Per quanto riguarda la procedibilità del reato di appropriazione indebita, è sempre a querela della persona offesa. Il decreto legislativo n. 36 del 2018 ha infatti cancellato l’eccezione per la quale era possibile procedere d’ufficio:


La querela deve avvenire entro un massimo di 3 mesi dal momento in cui si viene a conoscenza del reato. 

L’elemento soggettivo e oggettivo


Il reato di appropriazione indebita ha come elemento soggettivo il dolo, ovvero la volontà e la consapevolezza di appropriarsi in modo definitivo della cosa mobile o del denaro altrui per procurare un profitto a sé stesso. In questo caso, il reato si intende consumato e si parla di dolo specifico

Il reato di appropriazione indebita non prevede una condotta particolarmente articolata: a differenza del furto, infatti, non bisogna architettare chissà quale piano per appropriarsi di una cosa mobile altrui poiché si è già in possesso del bene.

Il reato di appropriazione indebita non si realizza solamente con la decisione di impossessarsi di un bene contro la volontà del legittimo proprietario, alla quale si lega l’intenzione di non restituire più il bene, ma può consistere anche:

  1. nella consumazione del bene, per esempio quando l’appropriazione indebita avviene sugli alimenti;
  2. nella distruzione, cessione ad altri o deterioramento della cosa o del denaro altrui.

In sintesi, in base a quanto detto, l’appropriazione indebita non consiste semplicemente nella mancata restituzione della cosa altrui, ma nella volontà di trasformare il possesso in proprietà.

L’appropriazione indebita aggravata


L’appropriazione indebita aggravata si verifica nel caso in cui il reato sia commesso da un soggetto che possedeva il bene a titolo di deposito necessario: è previsto un aumento della pena, ma nell’articolo 646 non viene specificato a quanto ammonta tale incremento. 

Il deposito necessario è quello che non deriva dalla libera scelta, ma da un accadimento non prevedibile, quale per esempio:


reato di appropriazione indebita

La prescrizione


Il reato di appropriazione indebita ha un termine di prescrizione pari a 6 anni, che possono aumentare nel caso in cui ci siano delle interruzioni, sulla base di quanto contenuto nell’articolo 157 del Codice penale. 

Le sentenze


Il delitto di appropriazione indebita si intende consumato nel momento il cui il soggetto si comporta come se fosse l’effettivo proprietario del bene del quale si è appropriato in modo improprio. 

Di seguito saranno riportate alcune delle sentenze più significative della Cassazione in materia. 

Sentenza n. 24857 del 2017


“Il denaro può essere oggetto di interversione nel possesso, e conseguente appropriazione indebita solo quando sia consegnato dal legittimo proprietario, ad altri con specifica destinazione di scopo che venga poi violata attraverso l’utilizzo personale da parte dell’agente; solo ove il mandatario violi quindi il vincolo fiduciario che lo lega al mandante e destini le somme a scopi differenti da quelli predeterminati può integrarsi una condotta di appropriazione indebita. 

Viceversa, ove si sia in presenza della mancata restituzione di somme date o concesse in qualunque forma di prestito, l’inadempimento dell’obbligo non determina l’integrazione della fattispecie delittuosa di cui all’art. 646 c.p.”. 

Sentenza n. 37300 del 2019


“Il più recente orientamento di questa Corte, condiviso dal Collegio, ritiene che il delitto di appropriazione indebita sia reato istantaneo che si consuma con la prima condotta appropriativa, quando l’agente compie un atto di dominio sulla cosa con la volontà espressa o implicita di tenere questa come propria, con la conseguenza che il momento in cui la persona offesa viene a conoscenza del comportamento illecito è irrilevante ai fini della individuazione della data di consumazione del reato e di inizio della decorrenza del termine di prescrizione”.

Come difendersi


Nel momento in cui si è vittima di reato di appropriazione indebita, bisogna distinguere tra:

  1. un reato che è stato commesso su cose o denaro altrui dei quali il reo dispone il possesso: in questa evenienza, il fatto è perseguibile a querela da parte di chi ha subito il danno;
  2. un reato che è stato commesso su beni posseduti dal colpevole per deposito necessario: in questo caso, invece, il fatto può essere denunciato.

Dopo che si procede con una denuncia o una querela, le Forze dell’ordine danno avvio alle indagini atte a indagare la veridicità dell’accusa:


Come si denuncia


Per quanto riguarda la denuncia per appropriazione indebita, chi l’ha subita può rivolgersi direttamente alle Forze dell’ordine:

  1. sarà sufficiente compilare un apposito modulo, indicando nel dettaglio gli elementi che hanno caratterizzato il reato commesso;
  2. gli anziani e le persone con ridotte capacità motorie, possono chiedere il servizio di denuncia a domicilio, contattando il numero 113;
  3. la denuncia non presenta limiti temporali. Si può inoltre presentare sia in forma scritta sia in forma orale.

Come funziona la querela


Nel caso specifico che riguardi la presentazione di un atto di querela presso gli uffici delle Forze dell’ordine, si deve procedere entro 3 mesi dal momento in cui il fatto è avvenuto. L’atto di querela può essere presentato:


Nell’atto di querela devono essere inserite:

  1. la descrizione del fatto;
  2. le informazioni sull’autore;
  3. la presenza di eventuali prove;
  4. la manifestazione di volontà da parte del querelante a far punire il colpevole;
  5. la sottoscrizione da parte di chi querela o del suo avvocato.

Appropriazione indebita – Domande frequenti


Che cosa si intende per appropriazione indebita?

L’appropriazione indebita consiste nell’impossessarsi della cosa mobile o del denaro altrui con la volontà di appropriarsene e l’obiettivo specifico di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto.

Che cosa distingue l’appropriazione indebita dal furto?

Sia il furto sia l’appropriazione indebita sono reati contro il patrimonio nei quali ci si appropria di cose che non sono proprie. La differenza sostanziale fra i due reati consiste nel fatto che mentre nel furto ci si deve impossessare di qualcosa della quale non si dispone, nell’appropriazione indebita si è già in possesso del bene dal quale si trae un profitto ingiusto.

In cosa consiste il reato di peculato?

Il peculato rappresenta in assoluto la forma più grave di reato di appropriazione indebita in relazione alla funzione giuridica che occupa la persona che lo compie: l’autore del crimine è infatti un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che si appropria dei beni dei quali dispone, sfruttando ingiustamente la carica che ricopre.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!