25 mar 2021
Separazione e Divorzi

Al coniuge separato o divorziato spetta l’eredità?

Quali sono le regole sulla successione ereditario in seguito a una separazione o un divorzio? Ecco cosa prevede la legge e cosa cambia per la pensione di reversibilità e il TRF.

Com’è noto, il matrimonio trasforma i congiunti in eredi legittimari e permette loro di partecipare in prima linea alla ripartizione dei beni del coniuge defunto. 

Cosa succede nel caso di separazione o di divorzio? Come cambiano le regole relative alla successione e, dunque, all’eredità?

Confrontiamo quali sono le differenze presenti tra separazione e divorzio, che hanno delle ripercussioni anche sul TFR e sulla pensione di reversibilità


Separazione senza addebito


Parlando della separazione, le conseguenze sull’eredità cambiando a seconda che sia avvenuta con o senza addebito. In quest’ultimo caso, il coniuge separato è equiparato a quello non separato.

In pratica, ai sensi degli articoli 585 e 548 del Codice civile, il coniuge al quale non è stata addebitata la separazione ha gli stessi diritti successori di quello non separato.

In particolare, nell’articolo 548 c.c. si legge proprio che:

“Il coniuge cui non è stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato, ai sensi del secondo comma dell’articolo 151, ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato”.

Al coniuge separato senza addebito spettano anche:


eredita dopo separazione e divorzio

Separazione con addebito


Per quanto riguarda, invece, la separazione con addebito con sentenza passata in giudicatol’articolo 548 c.c. stabilisce invece che al coniuge che è responsabile delle separazione spetta, all’apertura della successione, soltanto un assegno vitalizio se in precedenza riceveva gli alimenti da parte del coniuge defunto. Tale assegno non è mai superiore rispetto alla prestazione alimentare precedentemente ricevuta. 

In particolare, l’articolo prevede che: “Il coniuge cui è stata addebitata la separazione [151 c.c.] con sentenza passata in giudicato ha diritto soltanto ad un assegno vitalizio se al momento dell’apertura della successione godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto.

L’assegno è commisurato alle sostanze ereditarie e alla qualità e al numero degli eredi legittimi, e non è comunque di entità superiore a quella della prestazione alimentare goduta. La medesima disposizione si applica nel caso in cui la separazione sia stata addebitata ad entrambi i coniugi”.

La dottrina non è d’accordo sulla natura giuridica dell’assegno vitalizio:


Cosa succede in caso di divorzio


Il divorzio rappresenta l’annullamento di tutti gli effetti civili del matrimonio: di conseguenza vengono meno anche tutti i diritti successori e il patrimonio del de cuius sarà spartito tra gli altri eredi. 

Il coniuge divorziato conserva comunque il diritto all’assegno divorzile anche dopo la morte dell’ex coniuge. Tale assegno dovrà continuare a essere versato dagli eredi nei limiti della quota di eredità percepita. 

L’assegno di divorzio non dovrà più essere erogato nei casi in cui il coniuge divorziato:


eredita dopo separazione e divorzio

A chi spetta la pensione di reversibilità?


La pensione di reversibilità spetta sia al coniuge separato sia a quello divorziato, ma devono essere rispettate determinate condizioni. 

Nello specifico, nel caso del divorzio:

  1. si deve percepire l’assegno di divorzio con cadenza periodica;
  2. non ci si deve risposare;
  3. il rapporto di lavoro dal quale deriva la pensione di reversibilità deve essere antecedente alla sentenza di divorzio

In relazione alla separazione:


TRF in  caso di separazione o di divorzio


Nel caso di separazione, il coniuge superstite non ha alcun diritto a ricevere il TFR dell’ex coniuge defunto. Per l’ex coniuge divorziato, invece, si ha diritto a riceverne una percentuale se:


La legge n. 898 del 1970 ha stabilito che l’ex coniuge ha diritto al 40% del TFR in riferimento “agli anni nei quali il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio”.

Eredità coniuge separato o divorziato – Domande frequenti


Cosa eredità il coniuge divorziato?

Il divorzio rappresenta la fine degli effetti civili del matrimonio, quindi ha delle conseguenze anche sulla successione: ecco quali sono. 

Quando spetta la pensione di reversibilità al coniuge divorziato?

La pensione di reversibilità in caso di divorzio spetta se si rispettano 3 condizioni: clicca per scoprire di cosa si tratta

Quando spetta il TFR all’ex coniuge?

La regola sulla ricezione del TFR del coniuge defunto varia a seconda che si sia separati o divorziati: ecco cosa prevede la legge


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!